Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 270.295.840
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 22 giugno 2012 alle 17:17

Cultura popolare e tradizioni orali nel festival ''Voces''

"Un'iniziativa che parte dalla cultura popolare e dalle tradizioni orali", queste sono le parole con le quali il direttore artistico Angelo Rusconi ha presentato il festival "Voces". La manifestazione, ideata da Sviluppo Non Profit e Res Musica e sostenuta dalla Provincia di Lecco e da Fondazione Cariplo, si terrà tra giugno e ottobre e si pone come obiettivo quello di far conoscere e valorizzare la cultura popolare, per quanto riguarda soprattutto la tradizione orale del canto liturgico. Il programma di questa edizione tocca una decina di località della provincia, la maggior parte in Valsassina e con alcuni eventi che si terranno sul lago e a Merate. Tra le iniziative in programma ci saranno concerti, workshop, celebrazioni, incontri e visite guidate anche in località mai aperte in precedenza, come, ad esempio il castello di Introbio.
Non mancheranno, accanto ai gruppi popolari, anche gli ensemble musicali professionisti di musica antica e tradizionale. Di particolare rilievo, infatti, la presenza dei Micrologus, una delle formazioni più importanti di musica medievale, che ha fatto del rapporto con la tradizione orale una delle sue caratteristiche peculiari.

"L'idea di questo festival- ha spiegato Angelo Rusconi di Res Musica - è nata dopo una ricerca sul canto liturgico, effettuata grazie ai finanziamenti della Regione Lombardia nel 2010. Questa attività - ha continuato - ci ha, quindi, fatto scoprire la grandissima quantità di beni immateriali presenti nei nostri paesi e nelle nostre valli. Si tratta, quindi, di un festival che parte dal basso e non dall'alto, come ci si muove di solito. L'obiettivo è sicuramente quello di salvare i beni immateriali della cultura contadina che altrimenti si estinguerebbero nel giro di poche generazioni. Per questo - ha concluso - non basta il lavoro di archivio e conservazione: la cultura tradizionale va fatta vivere, cosa che ci proponiamo di fare noi con questo festival".
Da segnalare anche l'importanza dei luoghi scelti per gli spettacoli. I concerti saranno, infatti, adatti alle loro sedi, ad esempio all'interno del castello di Introbio si svolgerà uno spettacolo di musiche medievali.
Soddisfatto l'assessore alla Cultura della Provincia di Lecco, Marco Benedetti, il quale ha osservato come "il festival si inserisca all'interno delle numerose iniziative culturali che il territorio provinciale sta offrendo al pubblico. Questa vivacità culturale - ha continuato Benedetti - è sicuramente un elemento da evidenziare, soprattutto in un periodo di crisi come quello attuale".

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco