Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 303.974.858
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 03 luglio 2012 alle 16:24

Monticello: presentata la terza edizione di Suoni Mobili, un mese di musica in Brianza

Un mese di spettacoli musicali tra i luoghi più suggestivi della Brianza lecchese e monzese, 30 giorni di concerti, spettacoli sonori, eventi artistici inediti ed eclettici capaci di coinvolgere un vasto pubblico di grandi e piccini.
Con queste premesse è stata presentata la terza edizione di “Suoni Mobili”, lo spettacolo musicale itinerante promosso da Musicamorfosi e dal Consorzio Brianteo di Villa Greppi sulle idee del vulcanico Saul Beretta.
La rassegna riparte dunque nel mese di luglio da poco iniziato forte dei numeri dello scorso anno, con 9.000 spettatori e 22 eventi organizzati per movimentare le serate estive del territorio.



Da sinistra a destra: l'assessore provinciale (Lc) alla cultura Marco Benedetti, Saul Beretta, la delegata del Cda di Villa Greppi Federica Colombo e l'assessore provinciale (Mb) alla cultura Enrico Elli

La formula, già collaudata nelle due precedenti edizioni, si presenta quest’anno rinnovata nell’offerta ma immutata nella sua proposizione al territorio: musica e artisti “entreranno” nuovamente all’interno dei paesi, delle ville, degli angoli più suggestivi della Brianza per portare note e cultura, sonorità inedite ed emozioni tutte da ascoltare e da assaporare fino in fondo.
“Suoni Mobili rappresenta una grande cassa di risonanza per il territorio e per i suoi Comuni – ha commentato la delegata del Cda di Villa Greppi Federica Colombo – quando un paese organizza un singolo evento questo ha una portata limitata, nel caso degli spettacoli di Suoni Mobili il più ampio contesto del Festival aiuta a far conoscere le nostre piccole realtà a un pubblico molto più vasto, valorizzando così angoli del territorio altrimenti destinati a restare sconosciuti”.


Piazze, ville signorili, cascine, corti, strade, boschi: cornici tradizionali e insolite all’interno dei quali gli spettacoli troveranno ospitalità per unire, insieme all’ascolto musicale, la scoperta di luoghi e scorci sempre nuovi e affascinanti.
“Nonostante un quadro economico non facile siamo riusciti a proporre un calendario di eventi ancora più ricco di quello del 2011, coinvolgendo nuovi Comuni e sfiorando i 30 eventi organizzati. Praticamente uno al giorno per tutto il mese di luglio – ha spiegato Saul Beretta, ideatore di Suoni Mobili - una crescita resa possibile anche dai nostri nuovi partner (Fondazione Cariplo) e da quelli già collaudati con successo nelle passate edizioni.
Dopo il successo riscosso nel territorio lecchese siamo riusciti a coinvolgere nel progetto tre nuovi Comuni monzesi (Desio, Seveso e Muggiò) riuscendo quindi a estendere ulteriormente un calendario di eventi già importante.


La forza di Suoni Mobili rimane la sua dimensione locale, legata ai luoghi che vengono scoperti e riscoperti dalle persone. Capita a volte che spettatori arrivino a un concerto solo per visitare la villa che lo ospita, magari privata e quindi non facilmente visitabile. Poi si interessano anche alla musica, regalando un valore aggiunto alla loro esperienza. Eventi che rappresentano una finestra importante sul territorio e sui suoi valori, un territorio che non ha paura di richiamare pubblico dal di fuori dei propri confini portando turismo e cultura”.



L’offerta di Suoni Mobili risulta quest’anno divisa in “cicli” o capitoli, legati a temi specifici e come sempre caratterizzati dalla presenza di musicisti di prim’ordine del panorama nazionale e internazionale.
Si parte con il filone della musica nera di “Africa Mon Amour”, in programma dal 3 luglio a Casatenovo. Un ciclo africano di musica “contaminata” fatta da artisti (Arsene Duevi fra tutti) che vivono in Brianza da decenni e che hanno subito gli influssi della cultura locale nella loro musica.
Spazio poi al ciclo meratese con i cartoni in Super 8 e i suoni da Bollywood nella cornice della Notte Bianca di Merate e dei suoi eventi musicali. A seguire sarà la volta del ciclo Utopia Rock (“scommesse” rock in tre ville classiche del territorio), dell’attesissima “prima” dello Stabat Mater a Sirtori (13 luglio), dei Suoni Nomadi destinati a mischiare sonorità di tutti gli angoli del mondo, del tributo – omaggio a John Cage, del ciclo Vocal Paradise sulla forza della voce, dell’innovativo “Piano Shopping” capace di mischiare la spesa bio alle note del pianoforte di Andrea Zani.


Eventi dove sarà la musica a raggiungere le persone, andando incontro al pubblico anche attraverso l’uso di mezzi motorizzati destinati a suonare in giro per le strade e i paesi.
Soddisfazione è stata espressa dagli assessori delle Province di Lecco e Monza Brianza, Marco Benedetti ed Enrico Elli, successivamente omaggiati da Saul Beretta con la “Suoni Mobili Card”, tessera elettronica contenente un brano musicale Mp3 e due buoni per altrettanti aperitivi in locali del territorio. Il tutto a fronte di un costo simbolico (10 euro) destinato a sostenere l’organizzazione dei numerosi eventi anche a fronte della loro gratuità per il pubblico. Un dettaglio che, in tempi di crisi, non rappresenta certamente un dettaglio di poco conto.
R.B.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco