• Sei il visitatore n° 339.356.695
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 28 agosto 2012 alle 17:07

Rogeno: sindaco ''viaggiatore'' per sposare i cittadini in ville, ristoranti o località esclusive. In un fondo sociale tutti i ricavi

Stanchi delle solite, anonime sale consiliari di paese? Siete prossimi alla data del giorno più bello della vostra vita e vorreste celebrarlo in una lussuosa villa, in riva a uno splendido lago di montagna o nel bel mezzo di un parco naturale, al posto del classico e grigio municipio?
Nessun problema: in futuro per tutti i cittadini di Rogeno sarà possibile scegliere in totale libertà la location del proprio matrimonio, all’interno o al di fuori dei confini comunali, previo il pagamento di una quota per il viaggio e il servizio offerto dal sindaco del paese.



La sede del Comune di Rogeno

È questa l’idea elaborata in questi mesi estivi dal sindaco Antonio Martone, ancora in fase di studio ma che promette per il futuro nuove interessanti possibilità per personalizzare e rendere indimenticabile il fatidico giorno del “sì” per decine e decine di novelli sposi.
“L’idea nasce per consentire alle casse comunali di incamerare nuovi introiti da destinare al settore sociale, ai nostri cittadini più poveri e sempre bisognosi di un continuo supporto – ha commentato Martone – attraverso una delibera di giunta chiederemo alla Prefettura di Lecco il permesso per celebrare i matrimoni al di fuori dei palazzi comunali, dove avvengono generalmente i riti nuziali di tipo civile. In questo modo i nostri cittadini potranno sposarsi all’interno delle ville, nei ristoranti, in luoghi a loro cari e persino sulle sponde del lago in località Casletto. Ovviamente per simili matrimoni gli interessati dovranno corrispondere una certa somma che verrà stabilita in futuro da un apposito regolamento”.



Il sindaco Antonio Martone

I matrimoni “a richiesta” saranno quindi soggetti a tariffe differenti a seconda della distanza dal Municipio, con una sorta di prezziario “chilometrico” destinato ad aumentare man mano che ci si allontana dal centro del paese.
Ma non è finita qui: per gli sposi che volessero celebrare il lieto evento al di fuori dei confini rogenesi, spostandosi addirittura in un’altra Provincia, sarà possibile ottenere i permessi delle autorità locali consentendo al sindaco Martone di officiare il matrimonio pressoché ovunque, dalla cima di una montagna a un’assolata spiaggia.



Le sponde del lago di Pusiano a Casletto, una delle papabili "location" per i futuri matrimoni

“Mi sposterò con una valigetta laddove i miei concittadini me ne faranno richiesta, pur di trovare un modo per dare dei soldi a quanti ne hanno davvero bisogno e arrivare là dove le nostre scarse risorse comunali non possono portare beneficio sotto il profilo sociale” ha concluso il primo cittadino.
Un modo come un altro, in tempi di crisi, per rimpinguare le sempre più provate finanze dei piccoli comuni rendendo felici cittadini in difficoltà e provvedendo, al contempo, a rendere davvero indimenticabile e unico il giorno del matrimonio per molte nuove coppie di sposi.
R.B.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco