Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 310.664.353
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 17 dicembre 2012 alle 17:37

Acqua, Colombo: decisione importante da assumere nel rispetto del referendum

Antonio Colombo
Ringrazio Casateonline e Merateonline per l'invito a commentare la scelta relativa alle prospettive del sistema idrico integrato nella nostra provincia.
Entrando subito nel merito evidenzio che si tratta di una materia molto complessa , complicata negli anni da scelte legislative regionali e nazionali contrastanti e contradditorie (scelte che hanno naturalmente dei responsabili- basta vedere chi governava a livello regionale e nazionale) e che hanno costretto e costringono i Comuni a "navigare a vista" in un "altalena" di modifiche normative.
A questo proposito ricordo che il Comune di Casatenovo, insieme ad altri, è stato "referendario" contro le scelte della Giunta Formigoni e che in qualità di componente del direttivo dell'AATO di Lecco ho contribuito, con altri, all'attivazione dell'affidamento provvisorio ad Idrolario, con voto unanime di tutti i sindaci.
La scelta che dobbiamo fare nei prossimi mesi è altrettanto decisiva e non consente distrazioni e cadute di tono propagandistico, o peggio elettoralistico ma necessita di valutazioni approfondite e, a mio avviso, di larghe convergenze unitarie.
Il primo orientamento che mi sembra già unitario e generalizzato è quello di procedere all'affidamento ad una società interamente pubblica (ricordo che in Italia il 53% degli AATO ha deciso in tal senso).
In secondo luogo i sindaci devono scegliere , nel più breve tempo possibile (personalmente ritengo che non si possa attendere ottobre ma che al massimo entro giugno 2013 dobbiamo essere operativi con la scelta attuata in quanto la situazione attuale di Idrolario è precaria).
E' urgente decidere sulla migliore ipotesi societaria e quindi occorre valutare attentamente:

-la potenzialità ad ottenere finanziamenti per attuare gli investimenti programmati dall'AATO , in relazione al metodo tariffario ( il vecchio metodo tariffario orientava al project financing ed in Lombardia a finanziamenti agevolati Finlombarda- con il nuovo metodo tariffario assume importanza la capitalizzazione della società, fondamentale per ottenere finanziamenti con prestiti pluriennali e/o prestiti obbligazionari

-la rigidità della struttura finanziaria in una società idrica "condannata" a cospicui investimenti"

-le implicazioni del patto di stabilità sugli investimenti societari

-i vincoli relativi all'assunzione e gestione del personale e le capacità del management societario

Queste sono solo alcune delle tematiche da approfondire. Siamo quindi di fronte a questioni molto precise e concrete se vogliamo affrontare seriamente il problema e dare risposte adeguate ai nostri cittadini , anche nel senso dell'esito referendario.
Per concludere ritengo che già da giovedì i sindaci dell'AATO di Lecco potranno concordare su di un atto d'indirizzo unitario che contempli pure alcune scelte alternative , sulla base delle quali i Consigli comunali potranno dibattere e decidere nei primissimi mesi dell'anno.

Antonio Colombo - Sindaco di Casatenovo
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco