Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 273.364.176
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 15 gennaio 2013 alle 21:13

Dolzago: sabato 26 ritorna la 3° ediz. del falò della Gibiana

Le sue radici affondano nella notte dei tempi, ancora legate al mondo arcaico e contadino, e ogni anno viene celebrata l'ultimo giovedì del mese di gennaio. Anche quest'anno Dolzago non rinuncerà a festeggiare la ricorrenza della tradizionale festa della Gibiana. Una tradizione antica, pare originariamente legata alla ritualità agraria con valore apotropaico, di risveglio della fertilità della terra: il falò della Gibiana serve proprio per sciogliere l'inverno, cacciare il gennaio che se ne va con le sue temibili gelate e prepararsi alla primavera imminente. E il suono di pentole di latta e coperchi battuti dai bambini altro non sono che un modo per "svegliare" l'erba dal sonno invernale, chiamandola di nuovo a crescere.
A Dolzago la Gibiana ha fatto il suo grande ritorno due anni fa e anche quest'anno verrà riproposta per la sua terza edizione dall'amministrazione comunale in collaborazione con Vividolzago, Gruppo Alpini, Sci Club, Gruppo ANA Protezione Civile e il gruppo volontari Piedibus.
L'appuntamento è per sabato 26 gennaio alle ore 17.15 con il ritrovo al capolinea delle linee piedibus. Da qui il corteo, munito di pentole e campanacci, procederà per le vie del paese fino a piazza della Repubblica per il processo alla Gibiana seguito dal rogo presso il centro sportivo.
I bambini dovranno essere accompagnati dai genitori e i partecipanti dovranno munirsi di tutto il necessario (pentole, cucchiai, coperchi e campanacci), per lasciarsi alle spalle definitivamente l'inverno e l'anno vecchio e salutare l'anno che verrà.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco