• Sei il visitatore n° 353.333.609
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 23 gennaio 2013 alle 09:19

Oggiono, Ferrari: 'dispiaciuto per le parole di Canali. Noi disponibili coi comuni limitrofi'

"Ho accolto con stupore le affermazioni del sindaco di Sirone e credo che il comune di Oggiono abbia dimostrato
Roberto Ferrari
 tutt'altro che scarsa disponibilità nei confronti del circondario".
Così il sindaco di Oggiono Roberto Ferrari ha commentato le critiche di Matteo Canali in tema di accorpamento dei servizi e nello specifico di Polizia Locale.
Come noto infatti in margine al nuovo accordo stretto tra Sirone e Dolzago per il servizio di pattugliamento serale il sindaco di Sirone non aveva infatti esitato a esprimere un certo rammarico non soltanto per il mancato rinnovo di una convenzione in vigore da circa un decennio e coordinata dal comune di Oggiono per i servizi serali e domenicali degli agenti, ma soprattutto per un certo "atteggiamento" da parte di quest'ultimo, più interessato, secondo il sindaco sironese, a guardare agli interessi "del proprio orticello" che non a quelli più generali del circondario.
"Al minimo accenno di un accordo per una gestione più ampia del servizio di Polizia Locale che coinvolgesse più comuni Oggiono ha chiesto un contributo economico per l'accorpamento" aveva commentato. "Trovo assurdo che il comune di Sirone debba spendere di più per avere un servizio di Polizia Locale condiviso con Oggiono di quanto non spenderebbe per mantenere in servizio il suo unico agente anche perché credo che sia qualcosa di contrario alla finalità stessa della norma per l'accorpamento dei servizi che è appunto quella di ridurre i costi".
"Posso capire la posizione del sindaco di Oggiono in questo periodo di ristrettezze economiche" aveva quindi concluso "ma se si vuole ambire a una posizione di coordinamento e di riferimento per il territorio credo si debba avere anche il coraggio di guardare in prospettiva anziché soltanto all'interno del proprio orticello". Affermazioni che a quanto pare non sono state gradite dal sindaco oggionese.
"E' con rammarico che ho deciso di intervenire perché non vorrei passare come colui che alimenta le polemiche ma confesso di aver accolto con un certo stupore le affermazioni di Canali che a mio avviso contengono alcune imprecisioni nonché episodi travisati" commenta Ferrari. "Quello stretto tra Sirone e Dolzago non è un accorpamento di funzioni ma un accordo per un servizio di pattugliamenti, cosa che si sarebbe tranquillamente potuto continuare a fare con il comune di Oggiono ma nessuno ha chiesto il rinnovo della convenzione, nemmeno il comune di Sirone, da parte nostra c'è sempre stata disponibilità ad uno scambio di agenti per servizi aggiuntivi".
Diverso invece sarebbe il discorso relativo all'accorpamento: "Chiedere ad Oggiono di fare da capofila per 15 comuni per il servizio di PL è assurdo in quanto non avremmo le capacità. E' stata la stessa Conferenza oggionese a decidere di muoversi per microaree omogenee. Nel momento in cui Sirone ha espresso interessamento il sottoscritto si è limitato ad esporre le condizioni in essere previste dalla convenzione con il comune di Annone che compartecipa alle spese corrispondendo una somma dato che tutto l'onere burocratico e amministrativo già grava su Oggiono".
Secondo Ferrari sarebbe infatti impensabile chiedere agli oggionesi di "mantenere" il servizio anche per i comuni limitrofi: "E' ovvio che l'unico metro di giudizio non è il denaro ma è altrettanto vero che non posso sobbarcare una struttura mantenuta dai cittadini di Oggiono degli oneri di tutto il territorio. In primo luogo perché non sarebbe sostenibile e in secondo luogo perché va bene ambire a un ruolo di riferimento e rendersi disponibili alle esigenze del territorio (cosa che il comune di Oggiono ha fatto rendendosi disponibile agli accorpamenti nonostante non vigesse alcun obbligo) ma altra cosa è sostituirsi a un'altra amministrazione nell'erogazione di un servizio chiedendo ai cittadini oggionesi di sostenere tutti i costi".
Il sindaco di Oggiono ha quindi concluso con una "provocazione": "Se la volontà è davvero quella di una gestione davvero organica a questo punto facciamo non l'unione di funzione ma l'unione di comuni in modo che ciascuno contribuirà pro quota".
Articoli correlati:
21.01.2013 - Sirone: via libera all'accordo con Dolzago per la PL. ''Oggiono resta slegato da noi''
M.M.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco