• Sei il visitatore n° 332.638.405
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 04 aprile 2013 alle 18:13

Tre cani seminano il terrore tra Sirone e Molteno. Sbranate 6 caprette e alcune galline. Si cerca il proprietario degli animali

Hanno sbranato vive sei caprette, di queste cinque sono morte e una è in fin di vita. E a strage compiuta si sono avventati su alcune galline custodite all'interno di una proprietà privata limitrofa, sempre scavando sotto la recinzione per introdursi all'interno. Ormai nei comuni di Molteno e Sirone è allarme tra i residenti per la presenza di tre cani feroci che vagano in branco e che da una settimana a questa parte stanno facendo strage di animali da cortile. E la paura ora è che le tre bestie di grossa taglia possano aggredire anche qualche essere umano.
Come dicevamo l'ultimo episodio è avvenuto proprio questa mattina in una zona agricola di via Minzoni a Sirone, in località Navello. Dopo aver scavato un tunnel sotto la recinzione esterna pare infatti che i cani si siano avventati dapprima sulle capre e poi sulle galline facendo una vera e propria strage. Ma si tratterebbe soltanto dell'ultimo caso. Già nella giornata di ieri i tre animali avevano colpito, sempre a Sirone, ma questa volta in località Castello, sbranando animali da cortile. Secondo i testimoni ad aggredire, in entrambi i casi, sarebbero stati gli stessi tre cani. Sul posto sono intervenuti l'agente di Polizia Locale di Sirone e i responsabili dell'Asl che hanno provveduto a rimuovere le carcasse sventrate e ormai senza vita degli animali. Mentre i proprietari hanno già sporto denuncia contro ignoti ai militari di Oggiono che sono ora alla ricerca delle tre bestie.
Ma purtroppo gli attacchi non si sono limitati al comune di Sirone. Già settimana scorsa i tre cani avevano infatti colpito a Molteno, in località Pascolo. Anche in questo caso sbranando viva una capra.
"Giovedì mattina sono riusciti ad entrare nella nostra proprietà e hanno squartato la nostra capra che tenevamo da anni. Per noi era una sorta di animale di compagnia" racconta la donna che abita nella zona con i genitori. "Abbiamo trovato soltanto la carcassa, ormai maciullata". Ma non contenti gli animali sarebbero tornati l'indomani: "Venerdì sera mia madre ha sentito il nostro cane abbaiare, è uscita e si è trovata davanti ancora i tre cani che avevano un atteggiamento aggressivo e minaccioso. Ha preso un bastone e fortunatamente è riuscita ad allontanarli, ma si tratta di bestie pericolose, non è la prima volta che vagano incustodite e abbiamo paura che prima o poi finiscano per attaccare anche le persone. E' da tempo che denunciamo questa situazione ma ancora nessuno ha fatto niente".
Secondo quanto riferito, la donna avrebbe infatti riconosciuto i tre cani come gli animali di proprietà di un cittadino moltenese, che già in passato avrebbero creato non poco allarme tra gli abitanti della zona.
"Normalmente vengono usati come cani da guardia per un gregge di pecore" spiega. "Ma in realtà vagano sempre incustoditi. E' da mesi che facciamo segnalazioni perché sono aggressivi. Sappiamo anche chi è il proprietario. Ma purtroppo la situazione è sempre la stessa".
"Siamo a conoscenza della situazione" commenta il sindaco di Molteno Mauro Proserpio. "E ci siamo già attivati con chi di dovere per porre fine a questa situazione che è diventata ormai intollerabile. Già in passato ci eravamo attivati con Asl e servizio veterinario ma purtroppo non siamo mai riusciti a ottenere una risoluzione del problema. Gli ultimi episodi tuttavia dimostrano che l'intervento deve essere immediato e abbiamo intenzione di andare fino in fondo".
Come dicevamo sul caso stanno indagando i carabinieri della Compagnia di Merate che stanno raccogliendo tutti gli elementi e che provvederanno a verificare l'identità e le eventuali responsabilità del proprietario che potrebbe dover rispondere di omessa custodia di animali.
M.M.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco