Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 327.991.673
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 29 giugno 2013 alle 09:05

Costa: droga trovata in 2 box, pena di 8 anni per un albanese. Il cugino rinviato a giudizio

È stato condannato alla pena di otto anni e quattro mesi di reclusione Jokes Malai, l'albanese di 29 anni che durante un'operazione della Guardia di Finanza, risalente al 1° agosto del 2012, era stato sorpreso con 13,5 chili di marijuana e 40 grammi di cocaina stipati in un garage di Pasturo.
Venerdì mattina si è tenuta l'udienza davanti al gup Paolo Salvatore e al pm Cinzia Citterio. Malai, che era già noto alle forze dell'ordine per i suoi precedenti in materia di traffico di stupefacenti, era stato dunque arrestato per il reato di detenzione di droga e di detenzione illegale di arma da fuoco. Una pistola revolver calibro 22 Magnum era infatti stata ritrovatanel box, in una credenza, completa di munizioni.
Il proprietario del garage, Alessandro Gianola, denunciato per concorso in detenzione delle sostanze stupefacenti rinvenute, è stato a sua volta condannato durante la mattinata di venerdì alla pena di 2 anni e 8 mesi di reclusione. Ad assisterlo in aula, l'avvocato Enrico Arena. L'uomo ha sostenuto di non non sapere quello che l'albanese aveva nascosto nell'armadio dove è stata rinvenuta la droga sequestrata, oltre il revolver.
Presente in aula anche Malai, assistito dall'avvocato Daniele Sussman Steinberg di Milano e tradotto in tribunale dalla polizia penitenziaria del carcere di Pescarenico, dove si trova detenuto. A suo carico il pm Cinzia Citterio,nel corso della requisitoria
con il rito abbreviato, ha anche richiamato l'ipotizzato collegamento con il sequestro di ulteriori otto chili di "fumo" avvenuto nel mese di maggio a Costa Masnaga, in una cantina.
Rinvio a giudizio infine, per un terzo indagato, ora a piede libero: l'uomo era stato denunciato per concorso nella detenzione di stupefacenti. Comparirà in aula il 20 novembre prossimo.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco