Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 263.244.410
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 06 luglio 2013 alle 19:05

Ao: consulenze aumentate del 16% nel '12. Spesa di 2 milioni

La Repubblica , nelle pagine dell'edizione milanese del 4 e 5 luglio , ospita una querelle sulle "consulenze e le collaborazioni libero professionali" i cui costi, richiamando una relazione istruita dalla Corte dei Conti sulla gestione 2012 di Regione Lombardia, sarebbero , secondo il giornale, aumentati in tutti gli Ospedali lombardi.
Nell'articolo di Repubblica, nella fattispecie del 4 luglio, si riproduce una tabella in cui risulta che l'Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco , nel 2012, abbia speso 3.774.000 euro.
Ribadendo che tutti i dati di bilancio dell'Azienda Ospedaliera sono a disposizione di chi desideri prenderne visione, spiace rilevare che il dato riportato non corrisponda al vero. In realtà, infatti, la spesa per consulenze e collaborazioni ammonta, nel 2012, a 2.129.000 € contro 1.835.000 € del 2011. L'incremento , dunque, è del 16% e non del 90,99% come riportato dalla tabella di Repubblica.
È utile ricordare che dei 2.129.000 euro, ben 1.884.000 sono addebitabili a consulenze e collaborazioni sanitarie necessarie per garantire i livelli essenziali di assistenza, la completa conduzione dell'iter diagnostico-terapeutico dei pazienti presi in carico dalle strutture ospedaliere e per mantenere la piena operatività dell'attività di Emergenza-Urgenza. In sostanza , sono consulenze e collaborazioni che, come la stessa Corte dei Conti specifica, "contribuiscono a completare l'offerta sanitaria e a volte, integrano e suppliscono a carenze nelle dotazioni organiche ".
Soltanto poco più del 10% delle collaborazioni del 2012 sono di tipo non squisitamente sanitarie seppure necessarie a salvaguardare la continuità della macchina tecnico-amministrativa dell'Azienda Ospedaliera.
Sulla base delle imprecisioni giornalistiche, il Direttore Generale, Mauro Lovisari, ha scritto al Direttore Generale della Sanità Walter Bergamaschi invitandolo a chiarire l'equivoco, anche a tutela dell'immagine delle Aziende che sono state nominate.
Nella corrispondenza , il Direttore Generale dell'Azienda Ospedaliera scrive che il dato riportato da Repubblica "appare ampiamente distorto qualora si consideri che la Corte dei Corti, nella relazione citata da Repubblica, precisa che, per effetto delle nuove regole contabili introdotte dal D.lgs 118/2011, le modalità di calcolo per gli incarichi in oggetto sono state modificate e, per tanto, i dati relativi al 2011 presentano divergenze. Inoltre, Regione Lombardia, spiega che tale aumento di spesa nel 2012 rispetto agli anni precedenti, non corrisponde ad un effettivo incremento della voce consulenze, bensì all'inserimento di nuove voci di costo (quali area a pagamento, libera professione intramoenia)". In pratica i dati sono aggregati e quindi non confrontabili da un anno all'altro.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco