Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 327.963.074
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 29 luglio 2013 alle 08:41

L'acqua è troppo importante per ridurla a logiche campanilistiche o di partito

Del tema dei servizi idrici provinciali ormai sono significativamente e doverosamente piene le cronache dei vari media locali. Senza presunzione alcuna il Comitato Lecchese Acqua Pubblica e Beni Comuni può rivendicare di essere stato il motore "dal basso" perché un tema così delicato per l'intera Collettività sia stato prepotentemente messo tra le priorità dell'agenda politico-amministrativa pubblica. Non fosse per altro che se ne sta decidendo a brevissima l'affidamento ventennale con il relativo cospicuo "giro" economico, valutabile in circa 2 miliardi di euro, ed occorrendo vigilare sulla piena attuazione del risultato referendario del 2011 che ha sancito che l'Acqua deve stare fuori dal mercato e che i profitti devono stare fuori dall'Acqua.

Proprio per questo stiamo assistendo ad un pubblico dibattito sui pro e contro le varie ipotesi sul tavolo. A volte, in alcuni passaggi, tutto ciò può apparire complicato ai comuni Cittadini nelle sue articolazioni tecnico-normative stante una legislazione perlomeno farraginosa se non a volte contraddittoria. Ma la scelta di campo "Politica" e la reale posta in gioco risulta comunque chiara ed è intimamente connessa al pieno rispetto della volontà di 27 milioni d'Italiani, di cui ben 138.000 lecchesi, sopra richiamata.

Il rischio però che tutto questo possa essere inficiato da logiche "campanilistiche" (pure importanti se sottintendono questioni di congruità economica) o di stretta appartenenza partitica ( assolutamente distorsive) è un rischio che dobbiamo tutti evitare visto che la tutela e la gestione del patrimonio dell'Acqua, come degli altri Beni Comuni Primari, rappresenta una priorità assolutamente trasversale.

Eccessi ed enfatizzazioni, anche strumentali alle proprie tesi, tendenti a far balenare l'idea di presunte alleanze Lega/Sel od inciuci Pd/Pdl sviliscono e rischiano di fuorviare rispetto al contenuto reale della delicatissima questione che è e rimane incentrata sull'ineludibile "funzione sociale"che servizi essenziali per la collettività debbano coerentemente mantenere in un quadro esclusivamente pubblico e partecipato direttamente dai comuni che sappia essere efficiente, efficace, economico.

Su questo fronte, per tutto quanto emerso finora nel dibattito pubblico, l'unico modello di gestione pienamente coerente, lo ribadiamo da tempo in tutte le sedi, è L'Azienda Speciale Consortile di diritto pubblico perché realmente si pone fuori dalle strette logiche del mercato, tipiche del "privato" ma anche di certo "pubblico privatistico e multiservizi" delle SPA o SRL "ex municipalizzate" come costitutivamente e di fatto risulta essere LRH, che ha in pancia Idroservice. Quest'ultima, per tutti i motivi abbondantemente documentati nel "dibattito", ci auguriamo sia solo apparentemente destinata a gestire il sistema idrico provinciale, come da orientamento espresso dalla maggioranza dei sindaci della Provincia.

Proprio per questo Idrolario ci sembrerebbe più consona (stante anche il parere Anea, ma non solo) a recepirne l'affidamento ma solo se esclusivamente e tassativamente, lo ribadiamo ancora una volta, trasformata in Azienda Speciale che è e rimane l'unico modello pienamente coerente.

L'opzione Idrolario è quindi assolutamente surrettizia e non certo perché sinora ha brillato per efficienza o congruità gestionale. Ad esempio è assolutamente contraddittoria e da condannare la recentissima messa a gara di 4 mesi del servizio a cura del proprio C.d.A. a dimostrazione palese della "debolezza" del tanto decantato "controllo diretto" dei Comuni-soci (depositari in questo caso del cosiddetto controllo analogo di primo livello). Figuriamoci cosa potrebbe succedere in Idroservice in cui i Comuni non hanno il controllo diretto (controllo analogo di secondo livello). Questa apparente negazione assoluta del risultato referendario ( con la gara, peraltro anacronistica di 4 mesi) risulta però, per i più avvertiti, "viziata" da una serie di errori derivanti dalla "gestione complessiva" del sistema idrico ex ATO (Ambito Territoriale Ottimale)non certo imputabili solo ad Idrolario per le note questioni messe in risalto nel dibattito pubblico mediatico.

Ecco perché noi siamo, anche qui lo ribadiamo fortemente, per il patrimonio e la gestione dei Beni Comuni Primari come l'Acqua esclusivamente e direttamente in mano pubblica. Ma questo "pubblico" deve essere un "pubblico QUALIFICATO" e quindi non " arruffone", carrozzone clientelare, legato a logiche finanziarie utilitaristiche e commerciali(e via di seguito), fornendo così sconsideratamente il fianco, come succede a volte anche strumentalmente, all'apertura ai "privati", certamente legittimati in altri contesti di mercato ma non in ambiti così basilari per la Collettività in quanto sottesi a diritti e doveri inalienabili.

Comitato Lecchese per l’Acqua Pubblica e i Beni Comuni
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco