Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 303.741.121
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 10 ottobre 2013 alle 08:13

Barzanò: contrari all'anticipo sul pagamento della Tares, in tempi di crisi ci aspettavamo una maggiore ''sensibilità''

Claudia Ferrario
Nel corso del Consiglio Comunale tenutosi il 4 ottobre, il nostro gruppo consigliare di minoranza della Lega Nord è stato chiamato a pronunciarsi sulla rideterminazione del pagamento della seconda rata del tributo comunale sui rifiuti (TARES). La delibera comunale del 31.07.2013 determinava la scadenza della prima rata al 30 ottobre e la seconda al 30 dicembre. A seguito di una richiesta del ministero delle Finanze , il quale indica di anticipare l'incasso della TARES per assicurarsi che il gettito venga contabilizzato da parte dello Stato nel bilancio del 2013, la giunta guidata dal Sindaco Aldeghi ha deciso di anticipare la scadenza del pagamento al 16 dicembre.
Retaggio della sciagurata politica di Monti, che scelse arbitrariamente di soffocare imprese e cittadini con imposte inaccettabili, la tassa contribuirà ad accentuare il vero e proprio "bagno di sangue" per famiglie ed imprese.
Non solo, ma la sua anticipazione , aggiunta al pagamento di Ires ed al conguaglio Irpef , costringeranno le nostre famiglie ad utilizzare la tredicesima non per soddisfare i bisogni e le necessità famigliari ma per rimpinguare le casse dello Stato, il quale, vorace predatore , userà i nostri soldi per "tappare" buchi nelle falle dei bilanci di regioni spendaccione e poco virtuose (teniamo presente che, mentre nelle regioni del Nord i rifiuti vengono gestiti come merce pregiata per ricavarne reddito e ridurne l'impatto ambientale, in altre aree non esiste neppure la benché minima sensibilità in tal senso).
Nell'interesse dei nostri concittadini e non condividendo l'affermazione del Sindaco Aldeghi il quale ha chiarito in consiglio comunale che "tanto la Tares prima o dopo va pagata" , abbiamo espresso voto contrario.
Osteggiamo fortemente il richiedere ai nostri concittadini (già peraltro penalizzati dalla crisi economica e immaginando realistici scenari in cui per questo Natale non tutti percepiranno la tredicesima ) il pagamento anticipato ed avremmo auspicato da parte della nostra amministrazione una maggiore sensibilità nei confronti delle fasce più deboli economicamente. Sarebbe bastato allinearsi con la posizione intrapresa da altri Sindaci della zona, vedi Merate e Casatenovo, i quali hanno previsto uno slittamento al 2014. In momenti come questi in cui il cittadino si sente vessato e depredato delle proprie sostanze da uno Stato sanguisuga ed il lavoro scarseggia, qualche giorno di ritardo non avrebbe di sicuro aggravato la situazione del "colabrodo" Italia ma, probabilmente , avrebbe giovato alle nostre tasche.
Claudia Ferrario - Segretario Cittadino Lega Nord - Lega Lombarda, Barzanò
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco