Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 303.743.401
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 14 ottobre 2013 alle 08:26

Barzanò: la mia opinione sulla questione tasse, in risposta al sindaco e alla Lega Nord

Edoardo Colzani
Reputo opportuno inserirmi anch'io nel dibattito tra Sindaco di Barzanò e Lega sulla questione tasse. La questione che la Lega Nord pone è una questione che in effetti non va sottovalutata.
Premetto in realtà di aver tenuto in consiglio una posizione diversa da quella della LN e nel complesso di aver maturato una visione diversa anche rispetto a Impegno civico.
Giancarlo Aldeghi giustamente rimprovera alla Lega di aver votato a favore della Tares nel consiglio di luglio. Io su quel provvedimento mi ero quantomeno astenuto manifestando un certo dissenso e perplessità verso politiche di tassazione statale dissennate che non condivido. L'astensione e non il voto contrario era dettata essenzialmente dal fatto che comunque davo atto a Impegno civico di aver cercato di modulare la Tares laddove possibile cercando di non gravare troppo sul cittadino. Non dimentichiamoci che al consiglio comunale compete la valutazione e il giudizio sui provvedimenti dell'amministrazione locale, essendo solo tangenziale il giudizio sull'operato del Governo che ciascun consigliere è libero di esprimere. Ebbene io sono fermamente convinto che l'Italia si meriti un governo migliore, meno populismo e una seria revisione dell'intero sistema di tassazione. Vorrei che i miei concittadini/compaesani pagassero il meno possibile di tasse ma so bene che per fare anche poco a livello locale (perchè, diciamocelo, l'amministrazione in carica non sta facendo granchè!) occorre ahinoi anche assecondare le rigide regole poste dall'alto (lo Stato affamato che vuole i soldi entro fine anno).
Sulla scelta di anticipare al 16 il pagamento, nonostante qualche tentennamento (sì in parte condivido quel che dice la Lega) ho tuttavia ritenuto di dare voto favorevole. Essenzialmente rimandare avrebbe significato solo una cosa: il cittadino non sarebbe stato tartassato a dicembre, lo sarebbe stato a gennaio, febbraio o altro (è un po' come non far pagare la prima rata Imu illudendo il cittadino di aver messo in sicurezza il proprio portafoglio). E certo anche a me come al sindaco Aldeghi la nuova service tax inquieta parecchio... Purtroppo - vorrei che il messaggio passasse forte e chiaro ai miei concittadini - fare l'amministratore locale oggi è un'esperienza al contempo gratificante nella misura in cui hai un contatto diretto coi cittadini e ti puoi attivare per far fronte alle loro richieste e mortificante nella misura in cui ti trovi a dover sottostare a regole non sempre condivisibili che ti vengono calate dall'alto e che devi far digerire ai tuoi cittadini. Il regolamento Tares l'abbiamo approvato a luglio. Oggi ci troviamo a dover rimetterci quanto prima a ridiscutere il tutto in vista della nuova service tax. Inutile dire - ,ma in questo spazio l'ho già più volte sostenuto - che occorre un cambio di rotta.
Edoardo Colzani, consigliere Indipendente del Comune di Barzanò
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco