• Sei il visitatore n° 340.273.778
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 04 novembre 2013 alle 21:14

Pienamente d'accordo con il presidente Nava sulla visita del ministro Zanonato

E bravo presidente ....a questi cari ministri bisognerebbe dire di viaggiare di meno e di mettere il capo sulle cartacce che hanno rovinato la nostra cultura lavorativa, cerchino di ridurle, di sfoltirle e di fare in modo che artigiani e imprenditori non debbano passare il tempo sulla burocrazia ma sulla proprie attività. Oggi siamo di fronte ad un massacro, uno stillicidio che ancora non giunge come una emorragia ma siamo vicini al collasso totale. Basta signori con le visite istituzionali , basta con questa carneficina, nessuno ha più le forze per reagire, per mettere idee, per porre strategie per raggiungere gli obiettivi. Noi siamo i cittadini e noi oggi esigiamo rispetto, noi oggi desideriamo che più nessuno deturpi la nostra integrità morale, culturale, cristiana.
Ministri votati dal popolo siate servitori, più nessun lustro, più nessuna riconoscenza, più nessuna prostrazione, più nessun palcoscenico. Fate silenzio e operate perché la nostra società esca dal baratro, dal fallimento, dall’abnegazione. La terra lecchese è un pullulare di associazioni di volontariato, queste sono le realtà che tengono in piedi i servizi quelli ai quali voi siete chiamati a gestire con le nostre contribuzioni e che gettate nella sacca dei debiti , quei debiti voluti e che fino a che il sistema reggeva passavano inosservati, oggi la voragine.
State nella capitale e fate andare le mani come facciamo noi che ancora crediamo nella nostra terra, nella nostra gente, nelle nostre capacità. Abbiate rispetto dei nostri disoccupati, dei nostri sfrattati, dei nostri figli che grazie alla vostra negligenza e inoperosità rischiano di non più sognare.
Ricordo ai ministri e al capo dello Stato l’ Art. 1. della costituzione L'Italia e' una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranita' appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.
Una cittadina oggionese
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco