Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 309.966.217
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 04 dicembre 2013 alle 12:19

Concordo con Luigi Magni sui rimborsi IMU dallo Stato. Ma estendo anche ad altri la ''censura''

Renato Ornaghi
Ho letto con vivo interesse l'intervento di Luigi Magni, Assessore al Bilancio del Comune di Missaglia, in merito all'increscioso tema dell'IMU prima casa e mi sento di condividerne lo spirito, anche se con un piccolo distinguo che illustrerò a breve.
Da moltissimi punti di vista mi associo in toto alla censura di Magni verso le furbizie di taluni Comuni italiani (alcuni, anche importanti) che nel 2013 hanno innalzato le aliquote IMU prima casa rispetto al 2012, contando sul fatto che l'IMU prima casa sarebbe stata nel 2013 rimborsata dallo Stato.
Magni ha davvero ragione: sarebbe inaccettabile se quei Comuni "furbetti" venissero equiparati nei rimborso a quelli che hanno invece lavorato bene mantenendo ferma l'aliquota IMU, magari con forti difficoltà nel far quadrare i conti. Se andasse a finire così sarebbe l'ennesimo frutto tipico della più deteriore scaltrezza italica, già censurato dal grande Prezzolini, che nel secolo scorso dipinse l'Italia irrimediabilmente divisa in due grandi schieramenti: non la destra e la sinistra, ma i furbi e i fessi.
Tuttavia, non mi sentirei di estendere la censura di Magni ai vari Comuni del territorio che, in buona fede e senza furbizie, già avevano nel 2012 applicato aliquote superiori a quella minima, mantenendola invariata nel 2013. In quei casi, la valutazione da fare è solo politica e necessariamente da farsi caso per caso, in quanto l'IMU prima casa rappresenta solo uno dei tasselli con i quali un'amministrazione esercita la fiscalità locale.
Ma ciò puntualizzato, concordo ancora con Luigi Magni sul fatto che, di fronte a queste scelte di incremento delle aliquote IMU, l'amministratore locale venga chiamato a rispondere di fronte ai propri Elettori. Come è giusto che sia e come peraltro avverrà in moltissimi comuni del meratese, già nella primavera prossima.
Grazie per l'attenzione,
Renato Ornaghi, Capogruppo Progetto Monticello
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco