Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 255.719.467
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 19 dicembre 2013 alle 18:22

Barzanò: cassa integrazione di un anno per i dipendenti Billa. Si tratta sulla 'ricollocazione'

Il supermercato Billa di Barzanò
Cassa integrazione straordinaria per la durata di un anno e possibilità, ancora da definire nei tempi e nelle modalità, di ricollocare i dipendenti negli altri punti vendita del gruppo.
E' stato positivo il confronto tenutosi nel pomeriggio di mercoledì presso la sede di Confcommercio a Lecco, relativo alle sorti del supermercato Billa di Barzanò.
Come noto, a fine novembre, i vertici del gruppo alimentare avevano comunicato alle sigle sindacali, la decisione di chiudere lo storico punto vendita barzanese di Via Monsignor Colli, con la conseguente messa in mobilità dei 14 dipendenti.
Un annuncio che aveva gettato non poca preoccupazione sulle sorti delle maestranze occupate presso il supermercato. Tra le motivazioni che hanno portato alla decisione di chiusura vi sarebbe la cessazione del contratto di locazione per la struttura che ospita il punto vendita.
Le trattative hanno però aperto qualche spiraglio di luce rispetto alle fasi iniziali, quando si temeva non ci fossero alternative alla mobilità. Mercoledì pomeriggio, come dicevamo, è stato raggiunto l'accordo per la cassa integrazione straordinaria per la durata di un anno.
All'incontro hanno preso parte, Andrea Cattaneo, vice direttore di Confcommercio, Fulvio Torresani e Marianna Lapenna in rappresentanza di Billa AG, i sindacalisti Alessio Lobosco (Filcams Cgil), Donatina Coviello (Fisascat Cisl), Fabrizio Bonfanti (Uiltucs Uil) unitamente a Ivan Tacco rappresentante sindacale del supermercato di Barzanò.
''Fortunatamente è stata confermata la linea che aveva caratterizzato il precedente incontro - ha spiegato Alessio Lobosco di Filcams Cgil - ovvero l'accordo delle parti rispetto alla cassa integrazione straordinaria per la durata di un anno, a partire dal 27 gennaio. In questo lasso di tempo Billa si impegnerà a ricollocare i dipendenti negli altri punti vendita del gruppo, presenti nelle province di Bergamo, Como e Monza, compatibilmente con le proprie esigenze''.
''L'accordo è stato positivo più che altro perchè si è riusciti a garantire l'ammortizzatore sociale per la durata di un anno. Ci incontreremo a cadenza periodica con l'azienda per monitorare la fase di ricollocamento delle maestranze. Per noi sarebbe importante riuscire a salvaguardare tutti i posti di lavoro. L'inconveniente è che i punti vendita Billa non sono vicini a Barzanò: si parla di Cisano e Calusco nella bergamasca, Como e Monza. Il problema potrebbe porsi soprattutto per i lavoratori part time. La prossima assemblea con le maestranze è convocata subito dopo il rientro dalle vacanze natalizie e in quell'occasione faremo il punto della situazione'' ha spiegato Fabrizio Bonfanti di Uiltucs Uil.
Soddisfazione è stata espressa anche da Andrea Cattaneo, vice direttore di Confcommercio. "La prima richiesta dell'azienda era stata la messa in mobilità di tutti i dipendenti. Il confronto sindacale tenutosi in Confcommercio ha raggiunto invece un primo positivo risultato di impegnare l'azienda alla ricollocazione di tutti i dipendenti nelle altre strutture del gruppo Billa AG, che hanno sede nelle province confinanti. Inoltre i dipendenti in attesa della ricollocazione potranno usufruire di un periodo di cassa integrazione fino a 12 mesi. Adesso si attende un nuovo confronto, la definizione di questo primo accordo presso l'Arifl e la possibilità di definire, per quei lavoratori che non dovessero gradire la ricollocazione, un incentivo all'esodo".
Per quel che riguarda la data di cessazione dell'attività, l'iniziale volontà di abbassare le serrande con la fine dell'anno, avrebbe subito una proroga, con la chiusura definitiva del supermercato prevista entro la fine di gennaio.
Articoli correlati:
09.12.2013 - Barzanò: trattative sindacali per definire le sorti dei lavoratori 'Billa' che a breve chiude
25.11.2013 - Barzanò: rischio chiusura per il Billa. Al via le trattative coi sindacati per i 14 lavoratori
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco