Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 255.717.366
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 28 dicembre 2013 alle 16:15

Barzanò, chiusura del supermercato Billa: alcune considerazioni sulla destinazione urbanistica dell’area, prevista nel PGT approvato da ''Impegno Civico''

Abbiamo appreso della decisione del supermercato Billa di lasciare il paese; mentre ci auguriamo l'insediamento di un altro operatore che possa garantire un servizio utile, soprattutto a chi non è autonomo negli spostamenti, come gli anziani, non possiamo esimerci dal fare qualche considerazione sulla destinazione urbanistica dell'area, assegnata nell'ultimo PGT.
Sull'area, che ha una superficie di circa 2.200 mq, in pratica completamente saturati dagli immobili esistenti, è prevista la possibilità di confermare la superficie lorda di pavimento esistente con destinazione commerciale e terziaria (con obbligo di confermare la media struttura di vendita) e fin qui tutto bene, ma quello che ci ha lasciato perplessi è la concessione di ulteriori 2.000 mc a destinazione residenziale ed eventuali ulteriori 2.000 mc anch'essi a destinazione residenziale provenienti da trasferimenti volumetrici.
Ci chiediamo se i consiglieri di "Impegno Civico" si siano resi di cosa gli è stato fatto approvare e se c'è stato quantomeno al loro interno un confronto su questo argomento.
Aggiungere ai circa 9.000 mc di volumetrie commerciali esistenti, altri nuovi 4.000 mc residenziali, il tutto costipato su un'area di 2.220 mq, crea le premesse per un mix esplosivo.
Il tema della compatibilità delle funzioni e quindi della qualità ambientale nello sviluppo dei nuovi interventi, dovrebbe essere l'ABC di ogni pianificazione urbanistica (altro che occuparsi della riduzione della CO2).
Le cronache ci raccontano sempre piu' spesso di conflitti che nascono da queste coesistenze.
Proprio relativamente a quest'area, avevamo presentato un'osservazione specifica e ci attendavamo che, come dovrebbe accadere in tutti i Paesi normali, la stessa, insieme a tutte le altre aventi valenza pubblica, venisse discussa nella commissione del territorio. Ma così non è in uso fare a Barzanò, ai tempi di ''Impegno Civico''.
Speriamo solo, come pensiamo accadrà, che questo intervento in queste dimensioni e modalità, non abbia seguito, perchè, come in altri ormai famosi casi (ricordate?) la fantasia urbanistica di "Impegno Civico" supera persino le piu' ardite logiche commerciali.

Cordiali saluti,

Gruppo consiliare ''Vivere Barzanò''
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco