Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 327.995.016
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 02 gennaio 2014 alle 14:17

Barzanò: la nostra replica alle affermazioni della minoranza sull'aspetto urbanistico dell'area occupata dal supermercato Billa

Con riferimento alla lettera del gruppo consiliare “Vivere Barzanò”, Impegno Civico tiene a precisare che ogni decisione riguardante la vita amministrativa del paese è serenamente e seriamente affrontata, approfondita e discussa all’interno del gruppo. Siamo un gruppo unito. Questo a differenza dell’amministrazione precedente, dove i conflitti interni hanno determinato un blocco del Pgt durato per cinque anni! Non possono essere accettate lezioni di democrazia da “cattivi maestri”. In fase di approvazione del Pgt si ritiene di aver effettuato tutti i passaggi correttamente, compresi quelli in Commissione del Territorio. Chi vi ha partecipato sa bene che durante l’analisi delle osservazioni al Pgt si è discusso anche dell’area in oggetto. Quello che ne è risultato è che qualche membro ha effettivamente messo in risalto il rischio di interferenza tra i due utilizzi (residenziale e commerciale), ma altri hanno sostenuto esattamente il contrario, riportando anche tanti esempi di questa convivenza nei paesi limitrofi che non ha creato particolari problematiche (anche rispetto alle nuove tecnologie dei gruppi frigoriferi).
E’ bene far notare che per l’area in discussione, nella previsione urbanistica, è stata riconosciuta solo la superficie lorda di pavimento esistente. Gli incrementi a cui si fa riferimento sono invece una possibilità a cui la proprietà potrebbe accedere solo in due casi: il primo a fronte di un ritorno per la comunità in relazione ad una riqualificazione dell’area della Piazza mercato; il secondo invece a seguito di un trasferimento di volume da un'altra area edificabile (quindi a livello globale non risulta come volume aggiuntivo in Barzanò). Quest’ultimo era stato pensato nello specifico anche per consentire un trasferimento di volume dall’area di Piazza Besana, con lo scopo di ridurre il volume dell’intervento sulla riqualificazione della ex banca. In entrambi i casi si fa notare che l’area, data la sua importanza e centralità, è stata posta nel Pgt come “ambito a progettazione unitaria con volumetria definita”.
Ciò vuol dire che, nel momento in cui venisse presentato un progetto di riqualificazione, questo dovrà seguire un apposito iter di approvazione che prevede il passaggio in Consiglio Comunale e nelle apposite Commissioni. Riteniamo che risiederà in questa fase (in riferimento ad un progetto e non solo a numeri di volumetria) l’importanza di un apporto costruttivo da parte dei consiglieri e dei membri delle commissioni al fine di arrivare ad una soluzione compatibile. Infine, fa sorridere ricevere una critica dal gruppo consiliare “Vivere Barzanò” sull’argomento volumetria, visto che il Pgt proposto ed approvato dal nostro gruppo ha portato ad una riduzione del 35% del volume rispetto al documento di piano pubblicato proprio da loro! Tornando al fatto attuale, ricordiamo che la struttura è di proprietà privata ed affittata ad un gruppo commerciale che ha deciso di spostare l’attività altrove. Tutti noi auspichiamo l’insediamento di una nuova gestione commerciale e per questo motivo anche noi come Amministrazione Comunale ci stiamo muovendo per rendere più celere l’apertura di un nuovo esercizio. Le priorità sono infatti quelle di salvaguardare un servizio ritenuto molto importante per il paese e salvare i posti di lavoro dei quattordici dipendenti attuali.
Gruppo consiliare di maggioranza ''Impegno Civico''
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco