Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 327.993.566
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 09 gennaio 2014 alle 19:30

Sull'esclusione di Dolzago dal Plis. In Italia le leggi dicono tutto e il contrario di tutto

La vicenda del mancato riconoscimento del PLIS del Monte di Brianza da parte della giunta provinciale a causa dell’assenza dei criteri di sovracomunalità per la presenza del territorio di Dolzago merita una approfondita analisi per gli spunti che offre. Nella delibera si cita l’isolamento di tale porzione di territorio nei confronti degli altri paesi aderenti. Ora ci viene un dubbio. La legislazione di riferimento scorpora dai territori posti sotto vincolo di un PLIS le porzioni edificate creando, a tutti gli effetti, una situazione di parco a macchia di leopardo o se vogliamo a groviera. Se già in partenza una normativa crea frammentazione e discontinuità, perché mai dovrebbe essere non sovracomunale la presenza di Dolzago nel PLIS del Monte di Brianza? Tra l’altro esempi di mancanza di continuità territoriale li possiamo trovare in altri PLIS lombardi. Deve essere quello che si sono chiesti anche i sindaci dei 7 paesi al punto che la delibera avrebbe potuto essere tranquillamente impugnata in un ricorso al TAR. In questo senso apprezziamo il senso pratico e di responsabilità dei sindaci ed in particolare di Dolzago che si sono posti come obbiettivo prioritario l’istituzione del PLIS del Monte di Brianza entro tempi brevi. Una sentenza politica ? Probabile o verosimile perché il PLIS è già perimetrato e previsto nel PTCP ( Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale ) dove appunto la politica, in ottemperanza alle proprie prerogative, ha fornito precisi indirizzi e indicazioni su come utilizzare “quel territorio” e che nome dare allo stesso. Pertanto se un paese incluso nel suo perimetro vorrebbe aderire al PLIS, qual è il problema? O forse è tutto da ricercare nell’interpretazione delle leggi? Ma le leggi non dovrebbero fornire risposte chiare ed inappuntabili sulle questioni? Comprendiamo perché l’Italia versi nello stato attuale: un paese dove leggi e norme dicono tutto e il contrario di tutto. Forse ci sfugge qualcosa o qualcosa non lo comprendiamo bene. Se qualcuno ce lo volesse spiegare gliene saremo grati.
Associazione Monte di Brianza
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco