Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 247.045.614
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 27 gennaio 2014 alle 13:20

350 automezzi e 500 persone controllate nel ''coordinato'' dei Carabinieri. Servizi nelle zone di Casatenovo, Costa, Cremella

Oltre 350 automezzi sottoposti a verifica e circa 500 persone controllate. Sono i numeri del servizio coordinato dei carabinieri delle Compagnie di Lecco e Merate, attuato nelle serate di venerdì e sabato.
Su disposizione del comando provinciale, l'Arma ha promosso un ulteriore servizio straordinario, che ha visto l'esecuzione di una capillare rete di posti di controllo stradali, nonchè il pattugliamento delle aree maggiormente sensibili in materia di reati predatori. A questo proposito sono state impiegate ben 30 pattuglie di militari.
L'attività si è svolta in orario tardo pomeridiano-serale e ha interessato l'intero territorio provinciale, con particolare riguardo però, alle zone di Casatenovo, Cremella e Costa Masnaga per la serata di venerdi ed a quelle dei comuni di Calolziocorte, Valmadrera e Lecco sabato sera.
Il comandante provinciale dei CC,
tenente colonnello Rocco Italiano
Particolare attenzione e' stata rivolta, come detto, al controllo della rete viaria, curando chiaramente l'osservanza della sicurezza in materia di circolazione stradale, ma soprattutto nell'ottica della prevenzione e repressione dei reati in genere, in virtu' della possibilita' di "intercettare" soggetti di interesse operativo.
complessivamente sono stati infatti piu' di 350 gli automezzi sottoposti a verifica e circa 500 le persone controllate.
Particolare attenzione è stata poi rivolta anche al controllo delle persone sottoposte ad arresti domiciliari o a misure di prevenzione o sicurezza, al fine di accertare il rispetto degli obblighi loro imposti dalle rispettive prescrizioni.
In questo ambito sono state eseguite complessivamente 35 verifiche, senza riscontrare alcuna irregolarità.
Tuttavia l'attività di servizio, come detto dalle finalità sostanzialmente preventive, ha comunque fatto registrare complessivamente la denuncia a piede libero di quattro persone.
Nello specifico un 21enne albanese, residente nel comasco, è stato denunciato dai carabinieri della stazione di Valmadrera per porto di armi, poichè trovato in possesso di un taglierino, rinvenuto dai militari a seguito di perquisizione a bordo del veicolo da lui condotto, sottoposto a controllo nel territorio di Suello.
Personale dell'aliquota Radiomobile di Merate ha invece denunciato per porto ingiustificato di arnesi atti allo scasso, un 30enne pregiudicato di origine rumena, residente a Limbiate, nel milanese. L'uomo è stato controllato dai militari mentre si aggirava a piedi nei pressi del "Brico center" di Merate. Sottoposto a perquisizione il giovane è stato trovato in possesso di un tronchesino, subito sequestrato dai carabinieri.
L'arma di Costa Masnaga ha infine denunciato due cittadini marocchini, entrambi pregiudicati e privi di permesso di soggiorno in Italia, bloccati a Nibionno mentre si trovavano a bordo di un'auto intestata ad altra persona. Oltretutto un controllo della vettura ha consentito di scoprire che il contrassegno assicurativo era stato contraffatto. Al termine degli accertamenti i due giovani extracomunitari sono risultati entrambi destinatari di un decreto di espulsione emesso dalla prefettura di Milano, rispettivamente del gennaio e dell'aprile del 2013. Per questo motivo sono stati denunciati all'autorità giudiziaria, mentre l'auto è stata sequestrata.
Nel corso del servizio sono state anche elevate delle contravvenzioni al codice della strada, per somme pari a circa 1.500 euro; 2 le patenti ritirate e 20 i punti complessivamente decurtati dai documenti di guida.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco