Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 247.037.138
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 19 giugno 2014 alle 20:18

Sciopero dei distributori, le ragioni della protesta

Si è concluso alle 7 di giovedì 19 giugno lo sciopero di 24 ore dei gestori degli impianti di distribuzione di carburante indetto a livello nazionale da Figisc/Anisa Confcommercio, Faib Confesercenti e Fegica Cisl. Il presidente dei Distributori di carburante di Confcommercio Lecco, Carlo Rusconi, spiega: "L'andamento dello sciopero dal nostro punto di vista è stato positivo: c'è stata una buona adesione. Sul territorio provinciale sono rimasti aperti i distributori senza logo e pochi altri. Siamo consapevoli dei disagi arrecati agli automobilisti, ma questa è l'unica strada per farci ascoltare e per far valere le nostre ragioni. La causa dei problemi vissuti dalla categoria è legata alla condotta commerciale delle compagnie che vendono ai gestori - in forza del vincolo di esclusiva - i carburanti a prezzi che sono 16/22 centesimi al litro più elevati di quelli praticati alle pompe bianche".
Le iniziative programmate unitariamente da tutte le organizzazioni di categoria proseguiranno anche nei prossimi giorni: è previsto infatti anche nel Lecchese il blocco dei pagamenti con carte di credito, bancomat e carte petrolifere dal 22 al 28 giugno compresi.
Dura la presa di posizione assunta a livello nazionale da Confcommercio: "La categoria è ormai ridotta allo stremo: migliaia di gestori in tutta Italia sono già falliti o stanno abbandonando gli impianti, con un ulteriore duro colpo ai livelli occupazionali. La causa di tutto questo è la persistente condotta commerciale delle compagnie. Chiediamo che si ponga rimedio alla clamorosa ingiustizia della discriminazione dei prezzi che assegna tutti i vantaggi ad una sola parte contraente, quella più forte: il vincolo di esclusiva per il gestore deve essere controbilanciato da un corrispondente vincolo per le compagnie a praticare prezzi di cessione in maniera equa per il prodotto che viene venduto sulla rete sullo stesso bacino territoriale di utenza. Un beneficio per gli stessi automobilisti consumatori".
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco