Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 248.277.154
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 20 giugno 2014 alle 19:38

Casatenovo: 'F.lli Galbusera', a fine giugno scade la cassa in deroga per 24 dipendenti

E' in scadenza la cassa integrazione in deroga per i lavoratori della Fratelli Galbusera di Casatenovo, storica azienda specializzata da anni nella produzione e nel commercio di burro e formaggi.
Alla fine di giugno infatti, cesseranno i termini dell'ammortizzatore sociale per 24 dipendenti che, se le condizioni resteranno quelle odierne, si troveranno senza un'occupazione, non potendo nemmeno contare sulla mobilità, trattandosi di una realtà commerciale con meno di cinquanta lavoratori.
L'azienda casatese
''Lo scorso marzo eravamo riusciti ad ottenere una proroga di ulteriori tre mesi sulla scadenza della cassa integrazione e ora speriamo in un nuovo slittamento dei termini''
ha spiegato Fabrizio Bonfanti, delegato Uiltucs. ''L'azienda ha già dato l'ok, siamo in attesa che la Regione possa dare il via libera a ulteriori tre mesi di ammortizzatore, che rappresenterebbero una preziosa boccata d'ossigeno per queste persone''.
Come noto la società casatese, reduce da un recente trasferimento dalla storica sede di Valaperta alla ben più moderna struttura di Via degli artigiani a Cassina de' Bracchi, si trova in una condizione di difficoltà da mesi ormai, tanto che nell'estate 2013 era stata siglata la cassa integrazione in deroga per tutti i dipendenti in forze alla società, tra il comparto della produzione del burro e quello commerciale.
Intanto, secondo quanto riferiscono i sindacati, nelle scorse settimane si è costituita una new-co nella quale sono confluiti una decina di lavoratori della Galbusera, precedentemente occupati nel settore del commercio. Ad essa l'azienda casatese ha affittato un ramo d'azienda. Per la restante forza lavoro invece, quella occupata nella produzione del burro, al momento non ci sono garanzie per il futuro. Allo scadere della cassa, se le condizioni resteranno quelle attuali, questi 24 lavoratori non avranno più un'occupazione. E i problemi non sono finiti qui, dal momento che a causa della complessa burocrazia degli enti coinvolti (Regione e Ministero), i dipendenti dell'azienda casatese attendono diverse mensilità di cassa integrazione che non sono ancora stati corrisposti.
Una situazione non solo occupazionale, ma anche sociale, allarmante per i lavoratori e le loro famiglie, quasi tutti residenti a Casatenovo.
Nel corso dell'ultimo consiglio comunale Guglielmo Colombo, candidato sindaco di Più Casatenovo e attuale esponente di minoranza, nell'ambito della discussione sul caso Vismara aveva invitato l'assise a tenere monitorata anche questa delicata vertenza, ottenendo l'impegno bipartisan delle forze politiche.
Articoli correlati:
12.03.2014 - Casatenovo: ''Galbusera'', è rottura con i sindacati che non hanno siglato l'accordo
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco