Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 246.979.974
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 26 giugno 2014 alle 17:55

Barzanò: criticità nel recapito della posta secondo Slp ''Cisl''

Il servizio di recapito della corrispondenza in provincia di Lecco presenta più di una criticità. Ad affermarlo in un comunicato stampa è Antonio Pacifico, segretario SLP Cisl. Secondo quanto riferito dal sindacalista anche il casatese sarebbe vittima dei disagi, in particolare la zona di Barzanò, con carenza di portalettere e problemi di natura organizzativa.

Di seguito il comunicato di SLP Cisl:
Il servizio di recapito della corrispondenza in provincia di Lecco si sostiene ormai unicamente grazie alla responsabilità degli addetti, la cui pianta organica è da mesi in cronica carenza, con 35 addetti al recapito mancanti. L’approssimarsi delle ferie estive provocherà un ulteriore aggravarsi della situazione, mentre l’Azienda sembra intenzionata ad assumere stagionali in numero tale da non coprire neppure le carenze strutturali.
Per il centro di recapito cittadino di Via La Marmora addirittura non è prevista nessuna assunzione, mentre il reparto di smistamento continua a svuotarsi a causa di pensionamenti e dimissioni che rischiamo di paralizzare anche le attività di recapito.
La zona di Barzanò vive una condizione di criticità estrema, in quanto oltre alla carenza di sette portalettere titolari, è ancora in una condizione di frammentazione organizzativa che amplifica le difficoltà di sostituzione delle assenze ad ogni titolo: da anni l’Azienda promette l’impegno di costituire un centro unico di recapito in base alle regole della recente riorganizzazione, ma continua a nascondersi dietro a “scuse economiche”.
Il Meratese soffre la carenza di cinque portalettere titolari, oltre a carenza di mezzi che costringe a prestazioni a staffetta o addirittura a blocchi forzosi del recapito a causa dei tempi biblici di riparazione o addirittura di autorizzazione di spesa per le riparazioni.
Insomma un progressivo e generalizzato scadimento della qualità del servizio offerto alla cittadinanza, ed un aggravio delle condizioni lavorative di tutti gli addetti al recapito, e che mette seriamente a rischio la possibilità di onorare commesse lavorative strategiche come la consegna dei pacchi Amazon e delle Cartelle Equitalia.
Occorre un impegno serio e deciso nell’investire in personale, siti produttivi e mezzi per offrire finalmente un servizio efficiente e di qualità affrontando le sfide di un mercato ormai liberalizzato e mantenere i livelli occupazionali.

 Antonio Pacifico
Segretario SLP-CISL di Lecco
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco