Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 247.699.874
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 14 luglio 2014 alle 18:29

Casatenovo: Vismara, dai lavoratori c'è il via libera all'accordo. In 83 ''esternalizzati'', stesse tutele contrattuali e economiche


I sindacalisti Massimo Sala e Enzo Mesagna
Si sono espressi a larga maggioranza a favore del sì, i lavoratori Vismara. Quest'oggi i sindacalisti hanno infatti incontrato le maestranze del salumificio casatese, cui hanno resocontato i contenuti della bozza d'accordo raggiunto con l'azienda nel lungo vertice di venerdì.
Si è svolta poi la votazione, alla quale potevano partecipare tutti i dipendenti dell'azienda di Cascina S.Anna e il risultato, come dicevamo, è stato schiacciante: sui 156 lavoratori votanti, 123 si sono espressi a favore del sì, 26 si sono mostrati contrati e le restanti schede si sono divise quasi equamente tra 2 bianche e 5 nulle.
Potrà quindi prendere il via, al termine delle procedure formali ancora da espletare, l'accordo per il passaggio di 83 lavoratori dall'azienda ad una cooperativa, vale a dire la procedura di esternalizzazione che da settimane ormai era al centro della trattativa tra azienda e sindacati.
Si tratta dei dipendenti attualmente in forze nella logistica Vismara, ovvero nei reparti di confezionamento e spedizione.
''Nel passaggio alla cooperativa manterranno il trattamento economico attualmente percepito in Vismara'' ci hanno spiegato Enzo Mesagna, delegato Fai Cisl e Massimo Sala di Flai Cgil che hanno seguito sin dall'inizio la vertenza. ''A loro sarà applicato il contratto nazionale della cooperazione alimentare, che prevede le stesse condizioni di quello industriale. Abbiamo inoltre costruito tutti gli ammortizzatori sociali per dare idonea copertura in caso di necessità ai lavoratori, che continueranno a recarsi in Vismara; sotto il profilo della sede di lavoro non cambierà nulla''.
La cooperativa scelta dall'azienda, che entro la fine di luglio prenderà in carico gli oltre ottanta dipendenti, è denominata ''Time service'' e ha sede a Milano; si tratta di una realtà nata da poco che opera principalmente nel settore alimentare.

Le immagini del presidio dei lavoratori nelle scorse settimane


Un esito quindi positivo, se così si può definire, a conclusione del lungo ''braccio di ferro'' che si trascina dal mese di giugno. Soddisfatti i sindacati che ovviamente si sarebbero augurati ben altri risvolti rispetto all'esternalizzazione della forza lavoro, ma che alla luce di come si è svolta la trattativa, ritengono di aver raggiunto il ''miglior risultato possibile''.
''E' stata una trattativa complicatissima dal momento che la posta in gioco era alta'' hanno concluso Mesagna e Sala. ''Inizialmente c'era il rischio di un passaggio in cooperativa senza le tutele economiche, nè normative. Con l'accordo raggiunto abbiamo limitato al massimo le ricadute per i lavoratori coinvolti. Naturalmente questo non è un punto d'arrivo, ma di partenza. Proseguiremo nelle prossime settimane con un'attenta attività di monitoraggio per verificare il rispetto degli accordi presi''.
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco