Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 273.365.987
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 14 agosto 2014 alle 14:22

Presenza cinghiali nel lecchese, la nota dell'assessore Signorelli

Si trasmette una nota di precisazione dell'Assessore all'Ambiente, Agricoltura, Caccia e Pesca Carlo Signorelli in riferimento agli articoli apparsi sulla stampa negli ultimi giorni sulla presenza di cinghiali nel territorio provinciale.
"La Provincia di Lecco ha affrontato scrupolosamente il problema dei cinghiali, mettendo in atto una strategia condivisa dai comprensori di caccia, da un gruppo di tecnici esperti e dalla Regione Lombardia per il contenimento della specie in Valsassina, Valvarrone e Alto Lario. Lo ha fatto con impiego di risorse e con catture e abbattimenti selettivi, che stanno dando risultati significativi. Purtroppo, la presenza di questa specie, determinata per larga parte da immissioni illegali, è ormai una realtà difficilmente eliminabile. Il cinghiale non è normalmente aggressivo e rifugge l'uomo, tranne in rarissimi casi, soprattutto in presenza di femmine con prole. Molto più aggressive altre specie come il cigno o anche alcuni cani randagi, che talvolta purtroppo hanno anche provocato vittime. Ma nessuno ha mai pensato di aprire la caccia libera ai cani randagi come rimedio al problema. La ripetitiva e monotona teoria di un ex Consigliere provinciale - continua l'Assessore Signorelli - secondo cui l'apertura della caccia al cinghiale in quelle zone ancora a bassa densità risolverebbe il problema, è già stata più volte smentita con dati scientifici e paragoni inconfutabili, come quello con la limitrofa provincia di Como, dove ormai il fenomeno è fuori controllo, nonostante l'attività venatoria. Affermazioni come quelle dell'ex Consigliere rischiano solo di procurare allarmismi inutili e gravi danni per le attività turistiche ricettive. Ci spiace molto per lo spavento dell'allevatore di Colico; a lui come ad altri, che dovessero avvistare cinghiali, rivolgiamo l'invito a non avvicinarsi a questo ungulato e a segnalare gli avvistamenti alla Polizia Provinciale (Tel. 0341/295254)".
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco