Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 219.633.354
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 15/02/2020

Lecco: V.Sora: 66 µg/mc
Merate: 66 µg/mc
Valmadrera: 51 µg/mc
Colico: 67 µg/mc
Moggio: 98 µg/mc
Scritto Lunedì 29 settembre 2014 alle 20:08

Appello all’elettore di centro destra. Cos’e’ la legge Delrio sulle Province, chi esclude e chi favorisce.

Christian My
La riforma degli enti locali, prevista nella Legge Delrio, è ben lontana dalla riforma epocale prospetta dal Presidente del Consiglio Renzi, dal momento che essa si limita ad attuare una mera redistribuzione di funzioni, con esigui risparmi di spesa.
Le province non sono state abolite (per l'abolizione si dovrà attendere una legge di revisione costituzionale), ma semplicemente trasformate in enti di secondo livello, ossia enti non eletti direttamente dai cittadini, con funzioni limitate alla gestione dell'edilizia scolastica e di servizi in tema di pari opportunità, oltre alla semplice pianificazione in materia di ambiente, trasporti e mobilità.
Stante la natura di enti di secondo grado delle nuove province, i cittadini non avranno più un ruolo attivo nella scelta dei propri rappresentanti in ambito provinciale; pertanto si rende opportuno che coloro che si identificano nell'elettorato moderato di centrodestra, chiedano ragguagli al proprio sindaco o ai propri consiglieri comunali, in merito alle loro intenzioni di voto onde esercitare sui medesimi una forma di pressione indiretta affinchè:

- questi ultimi siano indotti a sostenere candidati che si facciano portatori di un'ideologia politica affine e che comunque rispecchi quella espressa nel contesto nazionale;
- risulti in modo esplicito il paradosso del loro inserimento in una lista elettorale sostenuta da forze politiche differenti da quelle che li hanno appoggiati in ambito comunale (alcuni sindaci e consiglieri sostenuti in ambito comunale dal PDL sono confluiti nella lista presentata da NCD).

Quanto sopra risulta ancora più opportuno in provincia di Lecco dal momento che la mancanza di una lista di Forza Italia, porterà ad una spartizione della stragrande maggioranza delle poltrone tra PD ed NCD, rispecchiando a tutti gli effetti il difficile scenario già presente a livello nazionale.
Alle problematiche suddette occorre aggiungere che il tanto proclamato risparmio sarà vanificato dagli ingenti costi connessi al trasferimento di tutte le altre funzioni attualmente svolte dalle province e del relativo personale ai Comuni o alle Regioni.
Christian My - Cooordinatore di zona per Forza Italia
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco