Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 263.341.348
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 11 ottobre 2014 alle 18:06

Fondere i comuni è come cancellare secoli di storia. Ci lascino i nostro soldi e non sarà necessario uccidere identità e tradizioni

Le tesi di Giovanni Zardoni ci trovano spesso d'accordo. Ma questa volta proprio no; e speriamo che, da questo confronto, possa svilupparsi un dibattito costruttivo. Dice il Capogruppo di "Civicamente - Cittadino per Cernusco": dobbiamo favorire la fusione tra comuni perché così si risparmia sui costi, si sfugge alle maglie di ferro del Patto di stabilità e, in definitiva, si offrono migliori servizi ai cittadini. E propone l'avvio del processo di fusione tra Cernusco, Osnago, Lomagna e Montevecchia. Un processo analogo a quello che ha portato alla cancellazione degli aggettivi "Superiore" e "Inferiore" che seguivano il nome del paese "Verderio" e che tra non molto cancellerà dalla mappa della Brianza e dalla storia i nomi "Rovagnate" e "Perego". Tutto sacrificato sull'altare dei soldi. Roma, anche con a capo un fiorentino, anzi peggio ora che in passato, ci massacra, ci tosa come pecore, ci impone vincoli assurdi, ci impedisce di utilizzare qualcosa come 8,5 miliardi di soldi risparmiati dai comuni lombardi e noi, per poter "respirare" rinunciamo alla nostra identità, ci mutiliamo, in una corsa senza fine. Perché stiamone pur certi, quando i processi di fusione saranno stati perfezionati lo Stato non solo ci priverà dei trasferimenti, cosa che già accade, ma ci sottrarrà ulteriori risorse - con l'ipocrita dizione "Fondi di solidarietà" - da destinare alle comunità del mezzogiorno. E così scopriremo che anche mutilandoci resteremo quel che siamo: schiavi di Roma.

L'Irap, l'imposta regionale sulle attività produttive, che colpisce paradossalmente le aziende con più dipendenti, al di là del risultato d'impresa (già di per sé una follia) vale 8 miliardi in Lombardia. Meno di quanto, come dicevamo prima, i comuni lombardi hanno depositato a interessi zero presso la Cassa depositi e Prestiti. Merate dispone di 5 milioni di euro, frutto delle entrate tributarie dei meratesi. Potrebbe finanziare servizi a costo ridottissimo per l'utenza. Oppure investire in opere pubbliche. O ancora ridurre sensibilmente la fiscalità locale. Invece non può fare nulla di tutto ciò perché i soldi sono bloccati dal Patto.

La Lombardia ha dieci milioni di abitanti e tremila dipendenti regionali; la Sicilia ha la metà della popolazione e trentamila dipendenti. Può farlo perché è una regione a statuto speciale qualifica che le consente, tra l'altro, di trattenere il 100% delle tasse pagate dai siciliani. Se anche la Lombardia fosse una regione a statuto speciale il bilancio regionale non sarebbe di 23 miliardi ma di 80 miliardi con i quali sarebbe possibile abolire un'infinità di tasse, balzelli e ticket sanitari. Pensiamo quante situazioni si potrebbero sanare con 1 miliardo di risorse in più ogni settimana.

Purtroppo i lombardi hanno perso, semmai l'hanno avuta, la capacità di ribellarsi, di operare resistenze passive, scioperi fiscali e tutto quanto serve per ristabilire l'uguaglianza delle regioni davanti allo Stato. Merate non beneficia in pratica di alcun trasferimento dallo Stato ma lo scorso anno ha dovuto devolvere soldi propri, per un milione di euro, al fondo di solidarietà. In pratica ha donato soldi ad altri comuni certamente non virtuosi.

Ebbene in un quadro simile, anziché chiedere alle nostre rappresentanze parlamentari di smetterla di obbedire ai partiti e di scaldare le poltrone, da Lupi a Fragomeli passando per la Tentori e di attuare tutto quanto è possibile per ottenere giustizia, avviamo processi di fusione tra comuni che esistono storicamente da secoli. Cancelliamo entità di riferimento, come i municipi, per accentrare tutto in grandi strutture, sicuramente più lontane dai cittadini, più anonime, come i grandi ospedali paragonati ai medi come il Mandic. Cancelliamo feste di paese, sagre, tradizioni, ricorrenze, festeggiamenti, ricordi anche tristi e dolorosi, insomma uccidiamo la nostra storia per la maggior gloria di Roma Capitale (e di Napoli e di Palermo ecc. ecc.).

No caro Giovanni, forse le nostre idee sono superate dalla modernità, o dall'indifferenza che caratterizza le nuove generazioni rispetto alla storia del paese in cui vivono. Ma restiamo convinti difensori dell'autonomia di ciascun comune, dell'identità di ogni comunità. Al contrario siamo da tempo persuasi che se non si riprendono i grandi temi dell'autonomia e dell'indipendenza assisteremo al progressivo degrado anche delle nostre imprese, massacrate da carichi fiscali che non consentono più nemmeno di investire nella manutenzione ordinaria degli impianti. E ai "nostri" nipoti non resterà che andare a lavorare per i cinesi. Come già fanno tanti "nostri" figli. Senz'altra alternativa.

Claudio Brambilla
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco