Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 238.828.961
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 18 ottobre 2014 alle 18:47

Pescarenico, quel 5 ottobre del ‘59 quando il card. Montini impartì la cresima e mise in guardia sui seguaci delle avverse dottrine marxiste

Pescarenico, venerdì 5 ottobre 1959. E' una giornata autunnale, il sole e la pioggia bisticciano, nel rione c'è un certo brusio, una certa ansia per un evento importante. Deve arrivare il Cardinal Giovanni Battista Montini. Nel sagrato della chiesa ci sono
Enrico Magni
ragazzi di otto anni con pantaloni lunghi con la giacca e il cravattino, ben pettinati e puliti, non più con i pantaloni corti e le ginocchia sporche dalla polvere, dalla terra o con le scarpe con la punta scuoiate e slacciate. Le ragazze sono tutte vestite di bianco, con le scarpe lucide. Belle, più belle del solito e non frignano. E' un giorno importante. Le campane suonano. Le persone sono vestite di festa, sono pulite, con il volto disteso e sereno. Non bestemmiano, lasciano in pace i bambini che si preparano per l'evento. Cardinal Montini metterà le sue dita sulle loro guance, con l'olio benedetto segnerà sulla lor fronte il segno della croce. Il padrino poi coprirà l'olio sacro con una fascia sulla fronte del cresimando. E' un giorno di quelli importanti che agitano. Ci sono stati mesi di preparazione, di attesa e di ricatti degli adulti nei confronti dei cresimandi. I cresimandi devono meritarselo quel riconoscimento, per diventare 'i soldati della fede'.

Montini arriva in piazza sulla sua auto. Scende, tanti vanno a salutarlo baciandogli l'anello. Lui, timidamente cerca di sottrarsi. E' un uomo timido. Le sue dita appoggiandosi sulla guancia del cresimando sono delicate, l'olio sulla fronte si stempera dolcemente. Lo sguardo fuggitivo, intenso si impone davanti all'occhio del cresimando. Il Cardinale è solo per lui, lo guarda, gli parla, lo tocca. Sono segni che resteranno.

Sembra un film in bianco e nero. Dopo cinquantacinque anni quell'uomo ascetico, triste, timido, dimenticato, messo da parte, costretto a subire la negazione del tempo viene, da parte della chiesa cattolica romana, rispolverato e consacrato agli onori della beatitudine.

Giovanni Battista Montini è stato un testimone significativo per il novecento italiano. Il postulatore della causa di beatificazione, padre Antonio Marrazzo, riferendosi proprio agli anni della Fuci e all'impegno in Segreteria di Stato durante la seconda guerra mondiale, ha definito Montini uno "sfegatato antifascista". E fu proprio tra gli universitari che il prelato bresciano "formò la futura classe dirigente dell'Italia", come sottolinea don Angelo Maffeis, ricordando anche la nascita del rapporto d'amicizia che legò Montini ad Aldo Moro, fino al tragico appello ai rapitori e poi alla sofferta omelia della celebrazione funebre, quando, rivolgendosi a Dio, il Papa disse: "Non ci hai ascoltato".

Montini fu un antifascista, ma anche un anticomunista. Parlando ai fedeli nel salone parrocchiale, in quel 5 ottobre 1959, disse: " La parrocchia dimostra vitalità, dovuta allo zelo del pastore e dei suoi collaboratori, tanto più provvida e meritoria quanto più difficile è il loro campo d'azione invaso dai seguaci delle avverse dottrine marxiste. Raccomandiamo la cura paziente, assidua, fiduciosa per il recupero dei figli lontani." (1897-1997, i cento anni della Parrocchia di Pescarenico, ed il campaniletto).

Non era un integralista. Il filosofo Jacque Maritain fu l'intellettuale laico più vicino alla formazione del pensiero di Montini. Negli anni Sessanta Jacque Maritain pose la dimensione dell'umanesimo al centro della persona, evidenziando il valore della democrazia in contrapposizione al totalitarismo tecnologico che tende all'individualismo, alla massificazione e fu contro lo statalismo, il prassismo. Per Jacque Maritain la politica doveva essere focalizzata sulla persona umana e finalizzata al bene comune nel rispetto del pluralismo. Per far questo Jacque Maritain sostenne che bisognasse sviluppare una formazione integrale e armonica, che superasse le unilateralità e le scissioni. Per raggiungere questo scopo è indispensabile adottare una metodologia che non sia né permissiva né autoritaria ma all'insegna della libertà. La libertà umanistica è la condizione indispensabile per evitare il vuoto metafìsico ed etico, che è nemico dell'educazione non meno che della democrazia.

Papa Paolo VI lo considerò il proprio ispiratore. A conferma di ciò, alla chiusura del Concilio Vaticano II, fu a Maritain, quale rappresentante degli intellettuali, che Paolo VI consegnò simbolicamente il proprio messaggio agli uomini di scienza e del pensiero.

Non si possono dimenticare gli anni di piombo, gli anni della crescita e delle contraddizioni. Il corpo di Montini fu l'emblema, l'icona di quel periodo, il suo corpo comunicava sofferenza, fatica, incomprensione. Il suo corpo per chi stava dall'altra parte della chiesa è stato un richiamo al recupero della lezione dell'umanesimo di Jacque Maritain. Per un laico, Montini, per la sua sofferenza esistenziale e per la sua testimonianza storica è da anni nel libro della beatitudine.

dottor Enrico Magni
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco