Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 284.400.386
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 06 novembre 2014 alle 21:41

 Arrigoni (LN): il Governo dice no all'acqua a Idroservice

"Il Governo ha deciso di regalare al Nord milioni di tonnellate di rifiuti del Centro e del Sud per risolvere la cronica incapacità di politici che hanno rovinato i loro territori riducendoli a discariche a cielo aperto". La denuncia è del senatore Paolo Arrigoni, intervenuto ieri nel corso del voto di fiducia che ha sdoganato lo Sblocca Italia che prevede l'invio di pattume nei termovalorizzatori, inceneritori e cementifici del Nord.

"Renzi disprezza le Regioni virtuose che nella gestione dei rifiuti hanno raggiunto eccellenze - prosegue Arrigoni, capogruppo della Lega Nord in commissione Ambiente a Palazzo Madama - L'Esecutivo tenta di cancellare le vergogne presenti in Campania, in Calabria, in Sicilia e nel Lazio dove negli anni non sono stati costruiti impianti di smaltimento, le discariche sono stracolme e interi quartieri sono invasi di maleodorante e pericolosa spazzatura".

Dallo Sblocca Italia arrivano invece indicazioni precise in merito alla gestione del servizio idrico su cui a Lecco e in provincia è aperto un ampio dibattito con polemiche relative: "Il Decreto ribadisce che l'affidamento diretto della gestione in house del servizio idrico integrato può avvenire a società esclusivamente e direttamente partecipate dagli enti locali. E' la conferma, dunque, dell'illegittimità dell'affidamento a Idroservice, società di secondo livello, dunque non partecipata direttamente dai comuni".

Un affidamento che la Lega Nord lecchese ha sempre fortemente osteggiato sia in Consiglio provinciale sia attraverso i suoi sindaci, su cui ora sta indagando la Corte dei Conti: "Il PD locale, responsabile di una scelta funzionale solo al consolidamento di un sistema di potere basato sulle società pubbliche, dovrebbe trarre le debite conseguenze!", conclude Arrigoni.

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco