Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 243.168.350
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 27 novembre 2014 alle 09:06

Acqua: Fragomeli soddisfatto per il voto in Commissione, il SII a società di 2° livello

Gian Mario Fragomeli
La battaglia dell'onorevole Gian Mario Fragomeli, finalizzata a mantenere il servizio idrico provinciale in Lario Reti Holding, società controllata dai comuni, per lo più lecchesi, a svantaggio di quelli meratesi, casatesi e oggionesi (per quanto il parlamentare del PD sia stato sindaco per molti anni di Cassago), segna una piccola vittoria: in commissione bilancio il suo emendamento che prevede l'affidamento in house anche a società di secondo livello, qual è appunto LRH, è stato approvato. Molto soddisfatto l'ex sindaco la cui battaglia è inspiegabile se non con la tenacia di dimostrare al PD lecchese che l'ha mandato a Roma di essere funzionale ai bisogni del vertice del partito stesso. Tuttavia la soddisfazione di Fragomeli è soltanto teorica.
La legge di stabilità non sarà approvata prima della fine dell'anno come lui stesso spiega nel comunicato stampa mentre l'affidamento del servizio idrico integrato provinciale dovrà essere perfezionato nelle prossime due o tre settimane.
Senza considerare l'indicazione delle direttive europee, decisamente male interpretate da Fragomeli, sconfessato anche dagli esperti ingaggiati da Lario reti e la delibera del Consiglio provinciale tuttora vigente in base alla quale il SII deve essere affidato solo ed esclusivamente a società di primo livello.

Di seguito il comunicato dell'onorevole Fragomeli:
Fragomeli (PD): «Soddisfazione per l’approvazione in Commissione Bilancio alla Camera del mio emendamento sull’affidamento in house del servizio idrico a società pubbliche: il Parlamento restituisce ai Sindaci il potere di decidere in piena autonomia sul Servizio Idrico».

Roma, 26 novembre 2014


«Come avevo già avuto modo di anticipare nelle scorse settimane - sia agli Amministratori locali che alla stampa - nei giorni scorsi ho presentato un emendamento alla Legge di Stabilità finalizzato all’eliminazione di alcune restrizioni tra le quali, nello specifico, l'affidamento in house del Servizio Idrico a società pubbliche di secondo livello.
Nel corso della seduta odierna della Commissione Bilancio della Camera dei deputati, questo emendamento è stato approvato ed è quindi ora parte integrante della prossima Legge di Stabilità 2015».

Questo quanto dichiarato in serata dall’On. Gian Mario Fragomeli, parlamentare lecchese del Partito Democratico, che continua: «È pertanto con una certa soddisfazione che posso affermare come, con l’approvazione di tale emendamento - avvenuta a conclusione di una puntuale ed articolata discussione - venga finalmente riconsegnata all'Assemblea Sindaci dell’ATO la piena potestà sull'affidamento in house del Servizio Idrico a società di primo o di secondo livello».

«Resta inteso» conclude Fragomeli «che la Stabilità diventerà legge non prima della fine dell’anno in corso e solo successivamente al prossimo passaggio al Senato della Repubblica ed alla seconda approvazione definitiva alla Camera».
Per visualizzare il testo dell'emendamento CLICCA QUI
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco