Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 327.995.749
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 20 dicembre 2014 alle 09:59

La nostra replica al direttore di Silea spa Peverelli sull'inceneritore di Valmadrera

Egregio Dott. Peverelli,
in merito alla vostra nota apparsa sulla testata Casate online, le precisiamo che nel nostro comunicato stampa inerente le mozioni depositate in consiglio Comunale, ci siamo limitati a citare quanto riportato dal quotidiano La Provincia ed. Lecco, nell'articolo del 14/11/2014 a firma U.Fil dal titolo "Gli scarichi del forno inceneritore - Direttore Silea multato di 10mila euro".
In tale articolo si riportava testualmente: "Mancati e parziali controlli ai fumi di scarico ed emissioni in atmosfera, rispetto ai parametri di legge sui quali restano dubbi, del forno inceneritore costano una sanzione penale di diecimila euro di ammenda a Marco Peverelli 59 anni, direttore generale di "Silea spa", abitante ad Albavilla".

Ci lascia alquanto perplessi la vostra minaccia di "agire per vie legali al fine di tutelare l'immagine dell'azienda" che Lei dirige, di fronte alle legittime preoccupazioni espresse da un consigliere comunale nell'espletamento delle sue funzioni; preoccupazioni peraltro manifestate e riportate su Lecco news.lc del 30/10/2014 anche dal Sindaco di Civate, Baldassarre Mauri e dagli altri amministratori dei comuni limitrofi al forno inceneritore.

Il fatto che le analisi sulla presenza di diossine e furani nelle polveri, scorie e fanghi di depurazione non siano richiesti dall'Autorizzazione Integrata Ambientale, non rappresenta un'attenuante dal momento che la nocività di tali sostanze è scientificamente acclarata e gli impatti sulla salute umana e sull'ambiente meritano degli approfondimenti.

In base al "principio di prudenza", dovrebbe essere compito di ogni Amministratore comunale chiedere che vengano effettuati ulteriori ed approfonditi controlli, al fine di tutelare la salute dei propri cittadini, della quale ne è direttamente responsabile il Sindaco stesso.

Al fine di fugare le preoccupazioni espresse da noi e da altri amministratori e tranquillizzare i cittadini, contribuendo ad eliminare quelli che lei definisce "ingiustificati allarmismi", la invitiamo a commissionare approfondite analisi dei terreni comunali circostanti l'inceneritore e lungo il percorso dei fumi del camino al fine di verificare la presenza di diossine, metalli pesanti e polveri, utilizzando il metodo di indagine delle ricadute degli inquinanti "AERMOD", indicato sia dall'EPA (Environmental Protection Agency americano) che dall'Università di Firenze come miglior metodo per le analisi emissive legate ai forni inceneritori.

A tale metodo è doveroso abbinare un'indagine epidemiologica per accertare gli effetti della presenza dell'inceneritore sulla salute dei cittadini residenti a Valmadrera e nei comuni limitrofi al forno ed attraversati dai fumi dell'impianto.

A tal proposito le segnaliamo che il Dott. Paolo Crosignani, ex-primario dell'Istituto dei Tumori di Milano, ha già collaborato con altre ASL Lombarde con approfondite indagini epidemiologiche sulle emissioni dei forni inceneritori lombardi, ed è a disposizione delle amministrazioni comunali che richiedessero il suo intervento.

Se dovesse risultare che l'inceneritore non ha avuto effetti sulla salute saremo i primi a riconoscerlo e ad esserne lieti.

Cordiali saluti,

Movimento Cinque Stelle Casatenovo
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco