Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 247.259.632
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 10 febbraio 2015 alle 08:16

Adiconsum: no alla chiusura degli uffici postali

Poste Italiane ha deciso di chiudere 61 uffici postali in lombardia; 5 sono in Brianza, Vimercate, Agrate, Carate Brianza (Agliate) Besana Brianza (Vergo Zoccorino) e Briosco (Capriano); inoltre 7 nel lecchese, ed esattamente Lecco (Arquate) lecco 6, Beverate, Maresso, Rossino, Sala al Barro, Verderio Superiore ed inoltre ben 9 definite "razionalizzazioni".
Ora indubbiamente poste italiane avrà delle "ragioni logiche" per la chiusura di questi uffici,che ad oggi noi come Adiconsum non condividiamo, visto che la chiusura di un ufficio postale in una frazione o piccolo comune comporta di fatto un problema per la popolazione e in particolar modo per gli anziani.
Non stiamo a elencare il perché ed il percome delle difficoltà, sono troppo palesi da non essere comprese. Da tempo Poste Italiane non brilla di capacità organizzativa e butta soldi pubblici in servizi che non sono attinenti al servizio postale, ad esempio i servizi finanziari.
Inoltre scelte sbagliate con assunzioni di dirigenze costose non portano da nessuna parte e, se razionalizzazione và fatta , si cominci proprio dal vertice.
Come Adiconsum Monza Brianza Lecco respingiamo questa ipotesi di chiusura degli sportelli in toto e facciamo appello alle forze in gioco di "stoppare"questa politica del paga sempre il più debole, trovando modi e forme con soluzioni non traumatiche per la cittadinanza.
Adiconsum Cisl Brianza
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco