Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 248.202.306
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 13 febbraio 2015 alle 14:37

‘Commissariata’ l’ortopedia del Mandic: dopo il primario del Manzoni, facente funzioni a Merate arriva un medico di Lecco

Il dottor Piero Poli e il commissario Giuseppina Panizzoli
Luigi Lovisetti, 55 anni il prossimo 5 dicembre, da martedì prende servizio nel reparto di Ortopedia e Traumatologia del San Leopoldo Mandic, lasciando l'incarico che ha rivestito al Manzoni di Lecco dal 2001.
Una "partita di giro" interna, dunque, nessun nuovo ingresso nonostante l'enfasi del comunicato stampa di cui sotto la versione integrale.
E, soprattutto, un secondo dirigente medico lecchese "piazzato" a Merate, dopo la nomina - una prima assoluta nella storia dell'azienda ospedaliera lecchese - di un primario di un presidio incaricato di rivestire il medesimo ruolo, sia pure come "facente funzioni" in un presidio diverso. Si tratta, come noto di Piero Poli, anche lui classe 1960, medaglia d'oro olimpica ai giochi di Seul del 1988 nella gara di 4 di coppia di canottaggio con Abbagnale, Farina e Tizzano, promosso primario del reparto lecchese di Ortopedia e Traumatologia nel marzo 2014 e da qualche settimana, primario anche al Mandic. Sinora, come dicevamo, mai si era assistito ad un travaso di medici dal presidio di Germanedo a quello di via Cerri e nemmeno una funzione delicata come la direzione amministrativa era mai stata appaltata a personale lecchese che a Merate dedica soltanto poche ore al giorno.
Appare sempre più evidente la trama che il commissario straordinario Giuseppina Panizzoli sta tessendo nei confronti dell'ospedale di Merate, privo ormai di una direzione forte e senza lo scudo della politica locale: l'asservimento del presidio cittadino agli interessi del Manzoni, in linea perfetta con la strategia della direzione generale della sanità lombarda che, nella persona del dottor Walter Bergamaschi ha lasciato chiaramente intendere di ritenere Merate un piccolo ospedale il cui destino è quello di essere sacrificato alla politica di tagli lineari alla spesa sanitaria.
“New entry” di peso clinico non indifferente al Mandic, presso l’équipe medica di Ortopedia. Dal 17 febbraio prossimo, infatti,  sarà in attività all’Ospedale di Merate Luigi Lovisetti, ortopedico proveniente dall’Ospedale Manzoni (in passato ha operato anche al Sant’Anna di Como).
Autore di numerose pubblicazioni scientifiche e relatore presso corsi e workshop scientifici internazionali, Lovisetti è esperto di protesica e di trattamento ortopedico con onde d’urto. Ancor di più è apprezzato per la sua esperienza nell’applicazione della metodica Ilizarov in età pediatrica (l’Ilizarov è una tecnica chirurgica utilizzata per allungare o correggere deformazioni ossee degli arti superiori e inferiori, introdotta all’Ospedale di Lecco da Maurizio Catagni, già Primario di Ortopedia e Traumatologia di Via dell’Eremo).
L’arrivo di Lovisetti è, anche per questo, coerente con la storia dell’Ortopedia e Traumatologia del Mandic (si pensi all’impegno del professor Giuseppe Canepa, primario a Merate dal ’68 al 1994 e tra i maggiori esperti italiani in Ortopedia e Traumatologia Pediatrica) e  tutt’uno con l’esperienza attuale della struttura e i suoi successi medici inanellati negli ultimi anni in capo ortopedico generale e ortopedico- pediatrico (il riferimento è anche all’Ambulatorio dedicato, di cui è responsabile Cristina Viganò).

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco