Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 327.992.671
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 04 marzo 2015 alle 18:54

Ogni anno i lecchesi regalano allo Stato 1,3 miliardi pari a 3.839 euro per residente. Il neocentralismo di Renzi danneggia cittadini e imprese

Antonello Formenti
“Ogni anno gli abitanti della provincia di Lecco regalano 1 miliardo e 300 milioni allo Stato. Si tratta esattamente di 3839 euro all’anno pro capite, in pratica una famiglia di 4 persone dona 15 mila euro a Roma. Una cifra insostenibile che rappresenta la differenza fra quanto si versa in tasse e quanto si riceve in termini di servizi. La provincia di Lecco manda alla Capitale 5 miliardi e 153,3 milioni di euro e vengono restituiti al territorio, in risorse e servizi, 3 miliardi e 854 milioni.  Questi numeri rappresentano bene i motivi per i quali abbiamo approvato in Consiglio Regionale la proposta di referendum per chiedere maggiore autonomia. La Lombardia, che ha un residuo fiscale complessivo di 53 miliardi di euro, sta continuando a mantenere l’Italia intera e sarebbe meglio invece che le risorse prodotte rimanessero nella nostra Regione. Il neocentralismo di Renzi, che mantiene gli sprechi e taglia alle regioni virtuose, non serve anzi danneggia i nostri cittadini e le imprese. Solo trattenendo sul territorio le tasse pagate in Lombardia potremo avere servizi pubblici di qualità e rilanciare l’economia.”

Antonello Formenti - Consigliere regionale Lega Nord
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco