Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 233.754.532
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 09 marzo 2015 alle 22:00

Lecco, Poste: sit-in di protesta contro le chiusure sabato in viale Dante

CISL - CGIL - UGL - CONFSAL - FAILP saranno presenti davanti alla sede di Poste Italiane SpA di Viale Dante a Lecco dalle ore 10 alle ore 13 di sabato 14 marzo con un sit-in di protesta contro chiusure e razionalizzazioni.
"L'organizzazione di sit-in a scacchiera in tutto il territorio regionale è la prima delle iniziative che il Sindacato postale ha deciso di mettere in atto, alla quale sono invitati i Sindaci interessati da chiusure e razionalizzazioni, ci permettiamo di allargare l'invito anche agli altri borgomastri, nella ferma convinzione che questo sia il momento fermare questa spirale discendente di impoverimento del servizio nei centri più piccoli che sfavorirà progressivamente le comunità più piccole e le fasce di cittadinanza che già oggi sono in difficoltà" spiega Antonio Pacifico della SLP-CISL che così motiva la presa di posizione secca dei sindacati: "in Provincia di Lecco gli operatori degli uffici non sono oggi sufficienti a garantire l'apertura e l'erogazione dei servizi, e non lo saranno neppure dopo le chiusure e razionalizzazioni previste e fortemente volute dal management. La carenza di personale è drammatica, e nonostante le continue denuncie al Sindacato non sono state presentate proposte serie e di sviluppo. "Ce la caveremo con la tecnologia??","Quale?" Gli strumenti sono obsoleti e spesso si bloccano, mentre il Postino Telematico non sarà certo in grado di distribuire la "carta moneta" cui sono tanto affezionati i nostri pensionati. Intanto il numero degli erogatori automatici di denaro è ridicolo rispetto al numero degli uffici, e addirittura si decide di chiudere Maresso, che ne è dotato".
Ecco dunque al prima protesta pacifica prevista per sabato.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco