Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 298.773.455
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 18 marzo 2015 alle 07:51

Missaglia, Sirtori, Viganò, Casate, Lomagna studiano progetto su Lavandaia-Molgoretta

Una sinergia tra comuni per tentare di mettere mano alla situazione in cui versano i torrenti Lavandaia e Molgoretta. A promuovere un incontro con i sindaci dei territori attraversati dai due corsi d'acqua, è stato il sindaco missagliese Bruno Crippa. Nei giorni scorsi infatti, il primo cittadino ha convocato i colleghi di Sirtori, Viganò, Casatenovo e Lomagna con l'obiettivo di valutare la fattibilità di un progetto unico di risanamento spondale dei due torrenti, limitando così il rischio idrogeologico che si presenta ad ogni perturbazione dal carattere intenso.

Il torrente Lavandaia che attraversa la zona di Campù

Proprio nelle scorse settimane il comune di Missaglia - il cui territorio si è già rivelato particolarmente fragile da questo punto di vista - ha dovuto affrontare una nuova criticità: uno smottamento si è infatti verificato in località Cascina Brughiera, località al confine tra Lomaniga e Maresso. Un sopralluogo effettuato insieme ai referenti dello Ster di Lecco (Regione Lombardia) per valutare un intervento di messa in sicurezza e ripristino del terreno a seguito della frana, ha posto le basi per ragionare su un progetto complessivo sui torrenti che attraversano i comuni casatesi.
''Abbiamo avuto una riunione alla presenza dello Ster di Lecco, in particolare del dottor Faustino Bertinotti - ha spiegato Bruno Crippa - durante la quale abbiamo deciso di affidare ad un geologo tutti gli studi già realizzati da ogni singola amministrazione sui due torrenti. L'obiettivo è quello di arrivare ad un progetto unico e complessivo, in maniera tale da poter chiedere finanziamenti a Regione Lombardia per opere di risanamento idrogeologico''.


Se l'intento sembra essere condiviso dalle amministrazioni coinvolte, va ora avviato l'iter e individuato un comune capofila che possa coordinare i lavori e confrontarsi con gli enti superiori. Intanto sul territorio missagliese sono già state realizzate alcune opere sul torrente Lavandaia, nell'ambito di interventi a scomputo oneri che vedono coinvolte tre aziende con sede nella zona di Via Rossini e Via 1 Maggio, attraversata proprio dal torrente Lavandaia. I risultati dei lavori svolti sono già visibili in particolare in località Campù, dove si è messo mano agli argini, liberando i corsi d'acqua dagli ostacoli più significativi, limitando così i rischi di eventuali esondazioni in caso di precipitazioni dal carattere violento.

La strada di accesso a Cascina Brughiera da Lomaniga

Situazione che peraltro si è già più volte verificata negli ultimi anni. Tornando a Cascina Brughiera e al recente smottamento verificatosi, si è deciso di intervenire con un'opera di rifacimento del ponte sulla Molgoretta, indispensabile via di collegamento per i residenti della zona.
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco