Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 327.612.015
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 19 marzo 2015 alle 18:32

Gestione dell’acqua: si unanime al progetto proposto da Merate. E’ la soluzione più semplice, economica e rispettosa della normativa vigente

Giovanni Zardoni
Il Consiglio Comunale di Cernusco Lombardone ha approvato ieri sera all'unanimità le determinazioni da inviare alla Corte del Conti sulla vicenda legata al ciclo idrico della Provincia di Lecco, dando un chiaro mandato al Sindaco di sostenere in tutte le sedi il progetto di ristrutturazione del ciclo idrico provinciale proposto dal Comune di Merate.
Il progetto presentato, grazie al lavoro del "cittadino Remo Valsecchi" e di tutti coloro che hanno collaborato alla sua stesura (un pubblico ringraziamento anche al Vicesindaco Salvatore Krassowski), ha il grande vantaggio di essere già oggi a norma di Legge (senza attendere estemporanei emendamenti che tentino di mettere nell'alveo della Legge ciò che attualmente non è a norma di Legge), di semplice esecuzione ed a basso costo per gli Enti locali coinvolti.
Ed ha l'obiettivo di garantire una gestione del ciclo idrico in Provincia di Lecco nella quale l'interesse pubblico sia prioritario e con l'obiettivo di ridurre le tariffe nel futuro.
Altra caratteristica è la chiarezza del progetto e della sua presentazione, completa dell'analisi di tutte le criticità oggettive.
Invito i colleghi consiglieri comunali delle maggioranze e delle minoranze di tutti i Comuni della Provincia di Lecco, per una volta, ad entrare seriamente nel merito della materia (spessa avulsa ai più...) per una valutazione diretta del tutto: il progetto è molto chiaro anche per coloro che non sono avvezzi alla materia. La valutazione deve tenere l'interesse pubblico come elemento prioritario mettendoci la propria testa e senza dare retta ai vari "pifferai magici" che affollano le assemblee dei soci delle società pubbliche del lecchese e dell'ATO.
Mi auguro altresì che l'Autorità d'Ambito porti avanti il proprio lavoro "super partes" senza farsi influenzare dal parere degli attuali gestori del ciclo idrico della Provincia di Lecco.
Il mio ultimo auspicio è che anche il consiglio comunale del Comune di Merate approvi all'unanimità tale progetto e che numerosi altri consigli comunali della Provincia di Lecco, dopo avere approfondito la materia, possano condividere tale percorso. Del resto, mi viene da pensare: visto anche l'esito referendario, perché un consigliere comunale avveduto non dovrebbe condividere un percorso a norma di Legge che assicuri una gestione pubblica del ciclo idrico integrato con una previsione di abbassamento delle tariffe?
Giovanni Zardoni - Consigliere Comunale di minoranza del Comune di Cernusco Lombardone
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco