• Sei il visitatore n° 345.644.730
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 10 giugno 2015 alle 18:34

Villa Greppi: dispiace leggere quanto ha affermato il presidente Polano contro il professor Enzo Bruni e il Festival Celtico

Buongiorno,

Spiace davvero leggere il Presidente Provinciale Polano scagliarsi a testa bassa e in modo sgarbato contro l'uscente Presidente del Consorzio Villa Greppi, il Prof. Enzo Bruni, senza avere a quanto pare la minima contezza del lavoro svolto in questi anni non solo da lui, ma da tutto il suo gruppo di lavoro. Per quanto riguarda ad esempio il festival celtico organizzato presso la Villa - che per Polano pare essere cosa di secondo piano, se non risibile - forse è meglio che si documenti meglio, per scoprire magari che il palinsesto messo in campo è di altissimo livello e per di più realizzato a costi irrisori per il Consorzio stesso. Sarà un evento di notevole rilevanza sociale e culturale, che il futuro Presidente del Consorzio Villa Greppi farà bene a tenersi stretto.

Leggo inoltre dalla notizia che è stato aperto un bando ad evidenza pubblica, per raccogliere nominativi di intenzionati a far parte del nuovo CdA del Consorzio Villa Greppi. Saranno quindi remunerati, i nuovi nominativi "di alto livello", oppure presteranno la loro competenza gratis et amore dei? Sul sito della Provincia tuttavia, al riguardo di bandi di evidenza pubblica sino a oggi non se ne trova alcuno. Segno che il nuovo Presidente provinciale naviga a vista: l'unica sua certezza oggi è quella di avere a tutti i costi messo alla porta l'inquilino del Consorzio di colore sgradito. Ma a questo il nostro territorio è ormai purtroppo abituato. A ogni cambio di colore provinciale, il Consorzio Villa Greppi è sempre lo scalpo da portare a casa, senza mai guardare in faccia al lavoro svolto.

E fa davvero sorridere la frase in grassetto nell'articolo: "Bruni non si preoccupa di trovare il modo di chiudere il bilancio del Consorzio": praticamente una pretesa assurda e ridicola nei confronti di Bruni, che in soldoni suona più o meno così: piangi (cioè: dai subito le dimissioni) e poi canta la messa (cioè: perché non lavori a chiudere il bilancio?). Riassumendo. Scopa nuova scopa meglio, questa pare essere stata la linea guida di Polano, il tutto però senza alcuna idea chiara in testa. Basta e avanza che la scopa sia di colore politico più consono al proprio.

Cordialmente.

Anna Maria Riva - Casatenovo
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco