Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 248.158.270
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 04 settembre 2015 alle 16:35

ANCE, Piazza: ''siamo col Governo sul taglio delle tasse''

"La decisione del Governo, annunciata in questi giorni dal Premier Renzi, di procedere a tappe alla riduzione della tassazione che oggi grava sui cittadini e sulle imprese del nostro Paese non può che vederci favorevoli. E, soprattutto, concordiamo sulla necessità che si parta dalla casa".

Ad affermarlo è il presidente di ANCE Lecco, Sergio Piazza, che continua: "In questi anni la pressione fiscale sulla casa è cresciuta costantemente, penalizzando un settore, quello delle costruzioni, già pesantemente colpito dalla crisi. Abolire la tassazione sulla casa significa contribuire a rilanciare gli investimenti da parte delle famiglie su un bene, la casa, che ha sempre rappresentato un punto di riferimento nel nostro Paese. Ben venga dunque la scelta del Governo di muoversi in questa direzione, a testimonianza della coscienza che, se riparte l'industria delle costruzioni, riparte l'intero Paese".

"Il programma esposto dal Governo italiano, se troverà realmente attuazione nel prossimo triennio, costituisce un segnale fortemente positivo per l'economia del nostro Paese. - continua Piazza - Le preoccupazioni di Bruxelles, pur se legittime, non devono rappresentare un ostacolo ad una manovra coraggiosa, che mira a rilanciare l'economia italiana nel suo complesso. Certo, occorre recuperare le risorse per effettuare questi tagli. Ed esse possono e devono a nostro avviso essere recuperate attraverso una seria e rigorosa politica di tagli alla spesa pubblica corrente improduttiva, che rappresenta la vera piaga dei conti pubblici italiani. Attendiamo dunque con attenzione che, alle dichiarazioni, seguano gesti ed atti concreti".

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco