Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 327.615.148
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 14 settembre 2015 alle 18:51

Lecchese disarticolato/2: pensiamo alla ''grande Lecco'' come strumento per far crescere la nostra città e fare crescere tutti i comuni limitrofi

Distinguere gli obiettivi dagli strumenti.
Lecco ha perso la Prefettura, la Camera di Commercio ė in discussione, l'ALER in condivisione, l'ASL ( ora ATS) a Monza, il Provveditorato a Bergamo.
Se ci limitiamo ad una valutazione dei simboli e delle insegne che non ci sono più dobbiamo registrare una sconfitta clamorosa, un sogno - la Provincia - durato pochi lustri. Tutto è tornato come negli anni '80.
La crisi economica con la necessità di razionalizzare la spesa è un alibi sufficiente per " questo disastro"?
Piuttosto che cercare colpe altrui o immaginare che altre Istituzioni stiano lucrando a nostra spese, a spese della nostra Provincia e dei suoi Comuni, togliendoci dei diritti, penso che sarebbe molto meglio valutare con occhio severo gli ultimi anni della nostra storia locale e porci delle domande. Dare colpe agli altri ci allontana dalla strada del " riscatto". Dopo realizzazioni importanti prima sognate, poi pensate e infine progettate e fatte - Provincia, Ospedale, attraversamento della città, Campus universitario, ecc - ci siamo arenati.
Ci siamo accontentati delle " insegne" e delle " mostrine", non siamo riusciti a trasformare le realizzazioni compiute in strumenti per nuovi obiettivi e quindi maggiore crescita.
Abbiamo confuso - accontentandoci - gli strumenti con gli obiettivi.
Forse lo spostamento della prefettura e del resto dipende anche da questo.
Riprendiamo a pensare in grande, ad alimentare il sogno che poi genera progetti da realizzare.
Pensiamo alla grande Lecco come strumento per far crescere la nostra città, fare crescere tutti i comuni limitrofi e quindi - obiettivo finale - migliorare i servizi ai Cittadini, il loro benessere e il benessere di tutta la comunità. Ripartiamo con lo spirito imprenditoriale di questa città che accetta le sfide e che diventa in grado di condividere i benefici. Ripartiamo con l'ottica del civismo che mette insieme concretezza delle realizzazioni di oggi con la capacità di immaginarle nel disegno del futuro per la nostra Città. Non è rimuginando sulle responsabilità di altri che troviamo la strada migliore e del cambiamento.

Appello per Lecco ė interessato a definire, con tutti coloro che dimostrano attenzione a questi temi, nuovi obiettivi che senza perdere tempo nel recriminare su quanto non c'è più. Siamo interessati a far sì che la Politica si riprenda il ruolo di disegnare la " vision" e non si perda in microbeghe di interesse locale e personale che consumano una quantità di energia enorme e producono solo occasioni perse per pensieri rivolti al futuro. Futuro a cui non possiamo rinunciare, perché il presente non sembra costellato di molte cose positive.

Rinaldo Zanini
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco