• Sei il visitatore n° 339.312.167
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 05 novembre 2015 alle 13:37

Grande distribuzione, sciopero e presidio sindacale a Cernusco

Nella mattinata di sabato 7 novembre, dalle 9.00 alle 12.00, nel piazzale dell’Esselunga di Cernusco Lombardone sarà indetto un presidio promosso dalle sigle sindacali Filcams Cisl Lecco, Fisascat Cgil Monza Brianza - Lecco e Uiltucs Lecco - Como, contro la mancata applicazione del contratto collettivo nazionale, da parte di Federdistribuzione, Distribuzione Cooperativa, Confesercenti.
Queste realtà, cui fanno capo la maggior parte delle catene della grande distribuzione come Esselunga, Auchan, Carrefour, Bennet, Legler Market e Coop, non hanno applicato per i propri dipendenti il contratto collettivo rinnovato a marzo, con la conseguenza che i lavoratori si vedono negati diritti quali scatti di anzianità e aumenti nella retribuzione per il lavoro domenicale e notturno.
Il presidio sarà promosso a Cernusco, e a livello nazionale è stato indetto per il 7 novembre lo sciopero nazionale. Per questo, anche sul nostro territorio, nei punti vendita delle catene aderenti a Federdistribuzione e Distribuzione Cooperativa i lavoratori potrebbero aderire.
Questo il comunicato delle sigle sindacali in cui si spiegano le ragioni della protesta:

Le trattative per il rinnovo dei due Contratti Collettivi Nazionali di Federdistribuzione (Esselunga, Auchan, Carrefour, Bennet, etc) e della Distribuzione Cooperativa (Legler Market, Coop, etc.) sono in questo momento bloccate.
Per quanto riguarda Federdistribuzione, dopo due anni di negoziato per la definizione di un Contratto Collettivo nazionale di Lavoro le trattative si sono interrotte a causa della rigidità e dell’atteggiamento provocatorio e dilatorio mantenuto da Federdistribuzione. L’associazione, nel corso del confronto, si è rifiutata di prendere in considerazione la Piattaforma Rivendicativa presentata da Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil e si è dichiarata indisponibile ad erogare aumenti salariali, come previsto dal recente rinnovo del Contratto di Confcommercio, proponendo una dilazione sulla decorrenza e durata e modifiche del Contratto attuale: scatti di anzianità, passaggio automatico dal 5° livello al 4°, permessi retribuiti, distribuzione dell’orario di lavoro e sospensione dell’incidenza di tredicesima e quattordicesima sul Tfr.

Analogamente, Distribuzione Cooperativa si è posta l’obiettivo di cancellare i diritti conquistati nei precedenti rinnovi: riduzione delle maggiorazioni domenicali, del notturno, dello straordinario e del supplementare; aumento del divisore orario; eliminazione della retribuzione dei primi tre giorni di assenza per malattia; condizioni retributive e normative inferiori per i nuovi assunti; ridefinizione del sistema di classificazione e l’introduzione di un capitolo sul Sud, che consenta di derogare al contratto nazionale.
Questo atteggiamento del padronato ha sancito una distanza incolmabile con le nostre posizioni e reso inevitabile iniziative di lotta e mobilitazione. Filcams, Fisascat e Uiltucs hanno quindi proclamato

DUE GIORNATE DI SCIOPERO NAZIONALE DA TENERSI IL
07 NOVEMBRE E IL 19 DICEMBRE

E’ tempo di mobilitarsi, lavoratrici e lavoratori non possono più aspettare!
Vogliamo DIRITTI, SALARIO e RISPETTO PER IL LAVORO

ASTENSIONE DAL LAVORO NEI SUPERMERCATI LE CUI AZIENDE ADERISCONO A: FEDERDISTRIBUZIONE - CONFESERCENTI - DISTRIBUZIONE COOPERATIVA

Dopo circa due anni di negoziato, per la definizione  del rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro, le trattative si sono rotte a causa delle rigidità e dell'atteggiamento dilatorio mantenuti dalle tre Organizzazioni Datoriali.
Le Stesse all'unisono hanno posto alle Organizzazioni Sindacali Nazionali di  Filcams -Fisascat-Uiltucs, come condizione un GRAVE ARRETRAMENTO RISPETTO AI DIRITTI ACQUISITI  delle lavoratrici e dei lavoratori che Filcams -Fisascat e Uiltucs considerano inaccettabili.
Le Organizzazioni Sindacali registrano una distanza incolmabile tra le richieste avanzate nelle piattaforme rivendicative unitarie e le posizioni delle controparti.
Pertanto si proclamano iniziative di sciopero e mobilitazioni per le giornate del 7 novembre e 19 dicembre 2015.

A sostegno della vertenza in atto le Organizzazioni Sindacali territoriali invitano le Lavoratrici e i Lavoratori a partecipare al Presidio che si effettuerà nel piazzale del punto vendita di Esselunga di Cernusco Lombardone il 7 novembre 2015 dalle ore 9.00 alle12.00.

FILCAMS Lecco, FISASCAT Monza Brianza-Lecco, UILTUCS Lecco-Como
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco