Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 327.612.671
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 06 novembre 2015 alle 14:15

Dunque c’è un gruppo di lavoro in campo per le politiche della Brianza. E i consiglieri comunali? Dov’e finita la “condivisione democratica”?

Giovanni Zardoni
Apprendo con sorpresa da Merate-Casate online che un Gruppo di Lavoro sovraccomunale avrebbe elaborato un documento omnicomprensivo di "Politiche per la Brianza" (dopo un lavoro di addirittura due anni).
Con la stessa sorpresa prendo atto che tale Gruppo di Lavoro e' composto da amministratori ed addirittura da ex amministratori (e non si capisce da chi siano stati "indicati e nominati") e che nessuno abbia pensato di coinvolgere i consiglieri comunali dei Comuni interessati per un confronto sui temi affrontati. Ancora piu' strano che non ci sia nessuno del Comune di riferimento del meratese, ovvero Merate.
Con ancora maggiore sorpresa mi chiedo inoltre perché, da consigliere comunale in carica, debba apprendere una cosa del genere dalla stampa.
Ma come si fa ad elaborare un documento di programmazione territoriale (iniziativa condivisibile) senza coinvolgere i Consigli Comunali?
La cosa la potrei capire nel caso in cui fosse ascrivibile ad un singolo partito (e vedendo le foto pubblicate da Merateonline potrebbe sembrare che tale partito sia il PD) ma se deve essere ascrivibile ai Comuni i luoghi di confronti devono essere altri (per esempio una conferenza dei sindaci aperta ai capigruppo di maggioranza e minoranza). E se invece e' una iniziativa di partito venga presentata chiaramente come tale.
Sono sempre piu' scoraggiato per il ruolo ormai riservato ai consiglieri comunali, chiamati sempre piu' a ratificare decisioni prese da altri senza potere intervenire sulla loro formulazione (vedere per credere le vicende dell'acqua, di Silea, etc.).
Siamo ancora in tempo per recuperare un po' di "condivisione democratica": chiedo che tale bozza di documento sia subito trasmessa a tutti i capigruppo consiliari (di maggioranza e minoranza) dei comuni interessati e che alla seduta della conferenza dei sindaci di presentazione e discussione vengano invitati, con possibilità di parola, i medesimi capigruppo consiliari.
Grazie per lo spazio concesso.
Giovanni Zardoni
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco