Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 248.192.677
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 07 novembre 2015 alle 18:46

A Ospedaletto (Lodi) la ''Guerra del latte''. Ciappesoni, 'nostro prodotto sottopagato'

E' massiccia la presenza degli allevatori lariani tra le migliaia presenti oggi ai presidi di Ospedaletto Lodigiano: i produttori della Coldiretti sono giunti dalle diverse regioni con mucche e trattori che dalle prime ore del giorno si sono mobilitati per la "guerra del latte" per difendere il lavoro, gli animali, le stalle, i prati ed i pascoli custoditi da generazioni.

La protesta dei ''beretti gialli''

Inoltre, secondo le stime di Coldiretti Lombardia, gli allevamenti da latte delle province di Como e Lecco hanno perso rispettivamente 3 e 2 milioni di euro di euro in termini di mancato guadagno - dal luglio 2014 a ottobre 2015 - a causa del crollo del prezzo del latte alla stalla, precipitato dai 44 centesimi al litro pagati in media fino a metà dello scorso anno ai 34 centesimi al litro registrati in diversi casi nell'ultimo periodo.

Al centro Fortunato Trezzi

"Da Como e Lecco la mobilitazione è stata fortissima" sottolineano il presidente Fortunato Trezzi (oggi intervenuto più volte dal palco di Ospedaletto) e il direttore Francesco Renzoni. "Nelle nostre due province la zootecnia è una voce decisiva della bilancia agricola ed economica, ma rischia di sparire, penalizzata da un prezzo insostenibile e dal massiccio ingresso di latte straniero: oggi quasi la metà del latte consumato in Italia viene infatti da paesi esteri e la situazione è precipitata nell'ultimo anno con il taglio pesante nei compensi riconosciuti alla stalla dove mancano anche quei pochi centesimi al litro necessari per garantire l'alimentazione delle mucche ed evitare la chiusura. Non è un caso che, negli ultimi undici anni, le province di Como e Lecco abbiano perso una stalla su quattro".

Ultimo a destra Antonio Ciappesoni

Non solo: molti degli allevatori lariani presenti oggi raccontano di aver dovuto ridurre drasticamente il numero delle vacche, in molti casi più della metà.
Così, oggi, gli allevatori stessi (insieme ai ‘colleghi' giunti da ogni parte d'Italia) hanno preso d'assedio il centro di distribuzione dei prodotti della multinazionale del latte francese Lactalis che dopo aver conquistato i grandi marchi nazionali Parmalat, Galbani, Invernizzi e Locatelli è diventata il primo gruppo del settore.

Il presidente nazionale Coldiretti, Roberto Moncalvo

Al presidio sono arrivati, fra gli altri il Ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina e l'assessore all'agricoltura della Regione Lombardia Gianni Fava, mentre altre presenze istituzionali sono attese.
"Sotto accusa - conclude il presidente dell'Associazione Provinciale Allevatori, il bulciaghese Antonio Ciappesoni - il fatto che il latte italiano viene sottopagato al di sotto dei costi di produzione con le importazioni dall'estero che vengono "spacciate" come Made in Italy" per la mancanza di norme trasparenti sull'etichettatura".

Alcuni manifestanti gridano un antico proverbio bergamasco "A la (v)àca a 's móns ol làcc, mia 'l sànch!", "alla vacca si munge il latte, non il sangue" mentre altri innalzano cartelli con le scritte "Made in Italy ostaggio di una multinazionale straniera", "Avete preso i nostri marchi non vi daremo le nostre mucche".

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco