Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 298.770.656
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 23 febbraio 2016 alle 17:46

Nibionno: un 52enne ai domiciliari dopo la maxi operazione anti-droga dei carabinieri

Il materiale sequestrato dai carabinieri
Un arresto a Nibionno e diverse perquisizioni nei comuni della Brianza e dell'hinterland lecchese: è il bilancio della vasta operazione antidroga condotta dai carabinieri del Comando provinciale di Milano, che ha visto impegnati cinquecento uomini complessivamente.
Coinvolte le province di Milano, Monza, Como, Foggia, Lecco, Lodi, Siena, Nuoro e Olbia-Tempio, dove all'alba di questa mattina i militari hanno eseguito le ordinanze di custodia cautelare emesse dai Gip del tribunale di Monza nei confronti di 50 persone, di cui 47 italiani.
Condotta principalmente dai carabinieri delle Compagnie di Desio, Vimercate e Monza, l'indagine ha consentito - nel dicembre 2013 - di individuare un primo gruppo criminale, con la scoperta di una raffineria di cocaina a Usmate Velate.
Il secondo è stato individuato, tra il 2013 e il 2014, a partire da una pluralità di episodi di natura intimidatoria, che sarebbero maturati nell'ambiente dello spaccio e verificatisi nella zona di Desio. Accertati, tra gli altri, oltre 1.200 episodi di cessione di droga a centinaia di assuntori di varia estrazione sociale.
Anche il lecchese è stato coinvolto nell'operazione, seppur marginalmente. A finire agli arresti domiciliari è stato Giacomo Gatti, classe 1964; secondo gli inquirenti avrebbe acquistato lo stupefacente dall'organizzazione criminale con base a Lesmo, per poi rivenderla. Al nibionnese - già sottoposto alla misura dell'affidamento in prova ai servizi sociali per reati successivi - sono contestati episodi avvenuti nella primavera 2014.
Eseguite poi - in collaborazione con i carabinieri della Compagnia di Merate - diverse perquisizioni in cinque comuni della provincia: Merate, Olginate, Lomagna, Dolzago e Sirtori, a carico di altrettanti indagati.
Nel complesso sono state 50 le misure cautelari applicate (21 in carcere, 18 agli arresti domiciliari e 11 all'obbligo di dimora) nei confronti di 44 soggetti liberi, 3 detenuti in carcere e altrettanti sottoposti agli arresti domiciliari per altra causa.


Nel corso dell'attività sono state arrestate in flagranza di reato 32 persone e sequestrato diverso stupefacente (2 chili di cocaina e di marijuana, 23 chili di hashish, 34 piante di marijuana), nonché 22 armi tra fucili e pistole (e relativo munizionamento) e circa 120mila euro in contanti, provento dell'attività criminale.
Articoli correlati:
23.02.2016 - Droga: 50 arresti dei Carabinieri in 9 province, tra cui Lecco. Un arresto a Nibionno e diverse perquisizioni in 5 comuni
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco