Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 213.740.767
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 15/11/19

Lecco: V.Sora: 74 µg/mc
Merate: 73 µg/mc
Valmadrera: 77 µg/mc
Colico: 68 µg/mc
Moggio: 96 µg/mc
Scritto Mercoledì 09 marzo 2016 alle 18:15

Confcooperative dell’Adda: ''Consolida'' nel Contesto provinciale è partner qualificato e Responsabile per innovare il sistema di Welfare ritenuto da tutti in profonda crisi

Ci perdonerà il signor Gabriele Marinoni ma la Sua sembra una difesa politica di un ruolo, quello della cooperazione, che nessuno ha messo in discussione. Noi ci siamo limitati a riportare la cronaca dell'incontro tra il CdA di Retesalute e l'Esecutivo di Distretto con le diverse posizioni e i dubbi circa la legittimità dell'affidamento dei servizi alla persona a strutture private, in relazione al disposto dell'art.20 della legge 23/2015. Dubbi, perché l'interpretazione autentica la lasciamo agli esperti del settore. E del resto neppure Lei ha ritenuto di entrare nel merito di questa Legge. Nessuna offesa e nessun retro pensiero. A patto però che non si voglia passare tutti per anime belle, dato che l'età ormai non ce lo consente, e pensare che non ci sia alcun nesso tra l'affidamento di un servizio pubblico qualunque, a chichessia, e la politica in senso stretto, ossia in senso partitico. Perché non ci crede più nessuno. Quanto ai servizi, creda, a noi, come pensiamo ai cittadini, interessa che siano erogati con competenza, efficacia, economicità e cortesia. Non chi li eroga.

C.B.

 

Egregio Direttore,  
intendiamo esprimere totale disappunto per quanto pubblicato dalla vostra testata on line in merito alle prospettive di affidamento dei servizi alla persona sul territorio provinciale.
L'articolo fa riferimento a disegni politici e strategie inter-distrettuali chiamando più volte in causa, in modo improprio e a tratti offensivo, il consorzio di cooperative sociali Consolida, nostro associato.
Ci pare che dare informazioni non attendibili ed anche scorrette non offra ai lettori elementi per farsi un'opinione propria ed oltretutto alimenti un clima ostile in cui fatichiamo a riconoscerci.
Desidero precisare intanto che Consolida è un consorzio che rappresenta una pluralità di soggetti; sono infatti 28 le cooperative associate che fanno parte del contesto provinciale e che operano su diversi fronti occupando in forma stabile oltre 1500 lavoratori.  
Quando si parla di "Cooperativa Consolida" dunque occorre tenere conto di questa complessità che non può essere semplificata o peggio ancora banalizzata.
La presenza di Consolida nel contesto provinciale deriva dalla volontà di un gruppo di imprese cooperative, ben radicate nel contesto territoriale, di offrire alla pubblica amministrazione non tanto un braccio operativo per la cura e la presa in carico delle persone più fragili ma un partner qualificato e responsabile per innovare il sistema di welfare, ritenuto da tutti in profonda crisi.
Tra le associate di Consolida vi sono anche cooperative di inserimento lavorativo per persone svantaggiate, realtà che lottano ogni giorno sul mercato pubblico e privato per fare impresa inserendo persone escluse dal mondo del lavoro e a rischio di emarginazione.
La funzione esercitata dalla cooperazione nel territorio, da considerarsi indispensabile per la costruzione di risposte sociali, scaturisce dalla capacità e responsabilità di utilizzare al meglio risorse di natura pubblica ma anche di implementarne il reperimento attraverso investimenti e ricerca di canali innovativi di finanziamento privato.
Detto questo, teniamo a precisare che la cooperazione opera sul territorio sulla base di affidamenti ad evidenza pubblica rimettendo le proprie competenze ed investimenti alle valutazioni rigorose delle diverse stazioni appaltanti tra cui non figurano solo Amministrazioni Pubbliche del contesto Lecchese e Bellanese ma anche quelle del distretto di Merate.
La stessa Retesalute in questi anni, per svolgere il proprio prezioso compito di servizio al territorio, ha individuato nella Co-progettazione lo strumento per condividere corresponsabilmente la gestione dei propri interventi con la cooperazione locale.
Restiamo dunque basiti nel leggere quanto riportato dal vostro giornale soprattutto quando si fa riferimento a strategie ed accordi politici costruiti per dare vantaggio al sistema cooperativo di questa o quella parte.
Non chiediamo che il consorzio Consolida sia considerato "buono a priori" solo perché associa imprese senza fini di lucro, ma nemmeno che sia chiamato in causa a sproposito considerato addirittura determinante nell'orientare le difficili scelte politiche che attendono le Amministrazioni pubbliche nei prossimi mesi.
Certamente come mondo della cooperazione sociale ci riteniamo sollecitati e chiamati in causa per dare il nostro contributo al presente e al futuro del sistema di welfare locale ma ci piacerebbe che questo scaturisse dall'essere riconosciuti per il lavoro che faticosamente ed appassionatamente ogni giorno le nostre associate svolgono per il bene delle nostre comunità locali.

 
Lecco, 9 marzo 2016

Confcooperative dell'Adda Il Presidente Gabriele Marinoni

.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco