Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 213.740.939
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 15/11/19

Lecco: V.Sora: 74 µg/mc
Merate: 73 µg/mc
Valmadrera: 77 µg/mc
Colico: 68 µg/mc
Moggio: 96 µg/mc
Scritto Venerdì 25 marzo 2016 alle 19:21

Referendum no trivelle, 17 aprile: andiamo a votare per contrastare le scelte energetiche insensate

Durante le mattinate di domenica 3 e 10 aprile, saremo presenti in piazza con il consueto gazebo. Oltre ad accogliere le istanze dei cittadini l'evento sarà finalizzato alla sensibilizzazione della cittadinanza riguardo il referendum del 17 aprile, denominato "referendum No Triv".

Questa iniziativa vuole accendere un faro su quella che sembra essere una campagna referendaria del tutto oscurata dai media nazionali, ma che in realtà ricadrà pesantemente sulle sorti future della politica energetica del nostro paese. Il 17 aprile costituisce una delle poche possibilità di dimostrare che le insensate scelte strategiche in materia di energia, contenute all'interno del cosiddetto "Sblocca Italia" sono obsolete perché tipiche di una politica energetica di fine 800.
Il quesito referendario tecnicamente è debolissimo nei contenuti, ma forte nella valenza politica-emotiva. In sostanza ci verrà chiesto: volete voi che, quando scadranno le concessioni nelle acque territoriali italiane, quelle attività estrattive vengano fermate anche se sotto c'è ancora gas o petrolio?

A nostro avviso sarà fondamentale innanzitutto onorare il diritto/dovere di voto, perché non bisogna mai e poi mai cedere ai giochetti antidemocratici tipici delle chiamate referendarie: astenersi volontariamente per non far raggiungere il quorum è una tattica politica meschina che di fatto impedisce il dibattito popolare limitando la già scarsa capacità di azione dei cittadini italiani: stupisce (ma neanche più di tanto) che sia proprio il partito democratico a consigliare di astenersi dal voto; ed in secondo luogo crediamo sia opportuno votare Sì in modo da poter lanciare un messaggio chiaro e forte ai nostri governanti: l'energia trasformata da fonti fossili NON è il futuro, a meno che non si voglia tramandare ai nostri figli un mondo del tutto inospitale ed ancora più malato di quello che già è. Disponiamo già della tecnologia in grado di trasformare energia da fonti rinnovabili e produrre materiale eco compatibili, manca solo la volontà POLITICA di compiere questo passo.

Vi aspettiamo numerosi, sia ai banchetti che al voto.

Movimento Cinque Stelle Galbiate
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco