Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 269.796.809
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 22 aprile 2016 alle 11:16

Costa: squalifica dalla società per tre anni al capitano del CSC

Squalifica di tre anni per il capitano del CSC Costa Masnaga Davide Fonte. La decisione del giudice sportivo di Lecco, Paolo Marsigli, fa seguito al comportamento del giocatore con maglia grigiorossa che, nella partita di sabato 16 aprile contro l'acd Brianza Cernusco, ha colpito al volto l'arbitro della gara del campionato Juniores.
L'arbitro ha infatti dovuto sospendere l'incontro al 40esimo del secondo tempo "non trovandosi più nelle condizioni fisiche e psicologiche per proseguire": secondo quanto riportato sul comunicato della delegazione Figc di Lecco, il capitano della società masnaghese, a seguito di una decisione presa in precedenza, avrebbe colpito l'arbitro con un "pugno tra la mascella e l'orecchio provocandogli un immediato e forte dolore che lo faceva barcollare all'indietro, senza cadere". A seguito dell'episodio avvenuto sul campo da gioco, l'arbitro ha riportato, come segnalato sulla cartella clinica del Pronto Soccorso Manzoni di Lecco, un trauma al collo con una prognosi di 5 giorni.
Dopo aver ricevuto il supplemento di rapporto dall'arbitro, il giudice ha comminato una sanzione "ridotta" per via della giovane età del calciatore.
"I fatti violenti su indicati, in quanto commessi da propri tesserati, rendono oggettivamente responsabile la società" ha comunicato il giudice. "Tuttavia và dato atto che la società Costamasnaga con nota indirizzata all' A.I.A. di Lecco si è dissociata dal comportamento violento del proprio calciatore. Per tale motivo si ritiene di applicare a carico della società un ammenda limitata pur dando atto che la medesima società sarà soggetta alle sanzioni amministrative".
Se il CSC CostaMasnaga dovrà fare fronte a un'ammenda di 150 euro per "il comportamento violento, offensivo e minaccioso del proprio calciatore", la società dovrà squalificare il capitano Davide Fonte per tre anni, fino al 21 aprile 2019.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco