Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 233.760.815
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 05 maggio 2016 alle 17:48

LRH: 3 milioni di dividenti ai comuni soci. Idroservice cresce per le bollette più care

Lelio Cavallier
Sono pari a oltre 3 milioni di euro i dividendi che Lario Reti Holding – la multi-utility che opera nel settore dell’energia e che gestisce anche il Servizio Idrico lecchese – verserà quest’anno ai suoi comuni soci.
Si tratta dell’utile derivante in gran parte dall’attività di Acel Service – che opera sul mercato nella vendita del gas e dell’energia – e dalla sua partecipazione nella valtellinese AEVV.
I 3 milioni di euro saranno distribuiti ai comuni soci, in proporzione non al numero di abitanti ma alla loro partecipazione (2,49 euro ad azione). E come è noto a fare la parte del leone nella società sono anzitutto i comuni del lecchese: nell’ordine per possesso di quote i primi comuni sono Lecco, Valmadrera, Galbiate, Mandello, Olginate.
Ben più ridotti gli introiti per il meratese e soprattutto per il casatese dove i comuni sono soci con percentuali da prefisso telefonico: Casatenovo ha l’0,7%, Dolzago (per fare un nome tra i tanti) lo 0,1%.
Guardiamo ora nel dettaglio le vare società partecipate.
Acel Service ha concluso il 2015 con 83 milioni di euro, e un risultato utile ante-imposte di 6,5 milioni (+6,6% rispetto all’anno prima) da cui vanno sottratti 1,8 milioni di imposte per un utile netto pari al 4,6 milioni, 5,6% del valore della produzione.
I dividendi messi a disposizione dalla società ai soci sono di 3,7 milioni di euro: 3,5 destinati a Lario Reti Holding mentre la restante quota è stata divisa tra Ausm e AEVV.
L’assetto di Lario Reti
“Quello del 2015 è stato un buon bilancio, a dispetto delle campagne aggressive dei nostri concorrenti e malgrado il calo dei consumi che si è avvertito sia nelle utenze domestiche che industriali” ha spiegato il presidente Giovanni Priore.  “Stiamo anche facendo partire 5 impianti di micro cogenerazione, ad esempio alle piscine di Garlate e di Merone per un totale di 2 milioni di investimento che calcoliamo ci dia utili per 124.000 euro all’anno”.
Idroservice
Sono incrementati di 2 milioni di euro in un solo anno i ricavi di Idroservice: un risultato dovuto sia all’aumento dei consumi di acqua (+1,3 milioni di metri cubi) legati ad un’estate particolarmente asciutta, sia per l’ulteriore aumento delle bollette deciso dai sindaci dell’Ato.
I ricavi conseguiti nell’anno assommano a 47,2 milioni di euro, conseguiti, per la componente più significativa di 45,1 milioni di euro, nell’attività di gestione del servizio idrico integrato e, per la parte rimanente, nella vendita di acqua all’ingrosso nelle Province di Como e Monza Brianza oltre che nel trattamento di reflui da fosse biologiche.
Dal primo gennaio, come è noto, il SII è nelle mani di Lario Reti e dunque anche l’esistenza di Idroservice verrà meno: il 23 maggio sarà firmata la fusione nella casa madre.
Lo stesso destino toccherà, sembrerebbe entro la fine dell’anno, alle patrimoniali minori Ausm, Addacque e Consorzio Valgreghentino-Olginate.
AEVV energie
Lario Reti Holding possiede anche il 49% di Aevv energie, società valtellinese che vende gas ed energia in ambito locale. Vicepresidente è Angelo Fortunati, già numero 1 di Acel Service.
Gli utili del 2015 sono stati 125mila euro, 61.000 dei quali rientrati in Lrh.
Per quanto riguarda invece Lario Reti Gas, si è registrato un utile netto di 2,7 milioni di euro
Lario Reti Holding
L’Assemblea ha approvato il bilancio di Lario reti holding S.p.A. per l’esercizio chiuso al 31 dicembre 2015  con il voto contrario dei soli due comuni di Ello e Oggiono e contestualmente è stato presentato il Bilancio consolidato del Gruppo.
Il Bilancio Consolidato 2015 evidenzia:
-       Un valore della produzione pari a 147,8 milioni di euro in flessione rispetto al valore del 2014 per i minori volumi di gas naturale commercializzati dalla controllata Acel Service S.r.l. dovuto all’andamento climatico mite e da una congiuntura economica negativa. Tale riduzione è stata in parte compensata dai maggiori ricavi della controllata Idroservice S.r.l. per i maggiori volumi di acqua distribuita.
-       Ebitda pari a 20,8 milioni di euro (19,6 milioni di euro nel 2014)
-       Ebit pari a 15,9 milioni di euro (15,2 milioni di euro nel 2014)
-       Risultato netto di Gruppo pari a 11,7 milioni di euro (9,8 milioni di euro nel 2014)
Gli investimenti realizzati nel periodo ammontano a 11,6 milioni di euro, in deciso aumento rispetto al 2014 (pari a 7 milioni di euro) che sono principalmente concentrati nell’ammodernamento delle infrastrutture del servizio idrico Integrato.
Su domanda del sindaco di Oggiono Roberto Ferrari, il neopresidente (ed ex Au di LRH) Lelio Cavallier ha fatto il punto anche sul ricorso presentato da Hidrogest: “Crediamo che non abbia alcuna ripercussione sull’affidamento in sé: si tratta di un tentativo di sopravvivenza da parte della società”.
P.V.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco