Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 269.989.914
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 24 ottobre 2016 alle 08:35

Casatenovo: nel 65esimo anniversario di fondazione, l'AVIS assegna le benemerenze. Due soci premiati per le 100 donazioni

Un'avventura iniziata 65 anni fa, nel nome della solidarietà e della donazione.


È stato celebrato sabato sera, a Galgiana di Casatenovo, l'anniversario di fondazione del gruppo Avis di Casatenovo. Una tappa importante quella del 65°, che ha riunito in diversi momenti di festa e di gioia tantissimi avisini, le autorità civili e religiose e i responsabili Avis di tutto il territorio.

Guglielmo Magni (Avis Lecco) e Enrico Santambrogio (Avis Monza)

Il parroco don Antonio Bonacina

Dopo il ritrovo al cimitero di Galgiana, il corteo formato dai labari e dai gonfaloni dei gruppi Avis, - in particolare del gruppo di Casatenovo, della sezione di Besana Brianza e provinciale di Lecco di cui il gruppo casatese fa parte, dell'associazione AIDO e del comune di Casatenovo - si è diretto verso la chiesa di San Biagio, per la santa messa celebrata dal parroco don Antonio Bonacina con il seminarista Raoul.

Galleria immagini (clicca su un'immagine per aprire l'intera galleria):


"Oggi, giorno in cui ricordate il vostro anniversario, la Chiesa celebra la Giornata Missionaria Mondiale", ha ricordato don Antonio durante l'omelia, tratteggiando un parallelo tra la figura dei missionari e quella dei volontari avisini. "Nel sangue c'è il fuoco, qualcosa di incontenibile, da donare agli altri. I missionari annunciano a tutti gli uomini che c'è un Dio che ci ama, che ha dato e versato il suo sangue per noi. Questa è la logica del dono, della donazione, che ognuno porta avanti nella sua specificità, senza la pretesa di risolvere tutti i problemi ma dando tutto ciò che è possibile dare, perché la nostra vita sia bella e buona".


Al termine della messa, dopo la lettura della preghiera del donatore, gli avisini si sono recati in oratorio, addobbato a festa con i colori dell'Avis, per la tradizionale consegna delle benemerenze ai donatori. Numerose le autorità presenti, accolte sul palco dalla presentatrice della serata, Maristella Carnio.


"Era il 1946 quando un casatese, Achille Zardi, insieme ad un gruppo di amici si recò all'ospedale di Besana per effettuare una donazione di sangue. Nacque così il gruppo Avis di Casatenovo"
, ha ricordato Venanzio Magni, presidente Avis della sezione di Besana Brianza, dopo un minuto di silenzio nel ricordo di tutti gli avisini defunti. "È un piacere essere qui questa sera, vedere tanti amici, incontrarsi, condividere e ricordare quanto svolto in questi anni: oltre alle attività di sensibilizzazione sulla donazione, sono state donate ben 167 sacche di sangue, un trend positivo che continua anche grazie ai giovani e ai nuovi iscritti".


Presente anche il vicepresidente della sezione besanese, Mario Sala, il segretario Stefano Bonfanti, - che ha salutato e ringraziato tutti i presenti - lo storico responsabile dell'Avis casatese - in carica per ben 45 anni fino al 2012- Angelo Frigerio e i membri del direttivo casatese Mariarosa Maggioni, Giovanni Noli, Dario Galliani e Pasquale Inzillo, tutti ringraziati dal presidente Magni.

Il sindaco Galbiati con Dario Galliani

Presente alla serata anche il sindaco di Casatenovo, Filippo Galbiati. "Sono molto sensibile al tema della donazione, che ha un grandissimo valore. È un gesto completamente gratuito, incondizionato e nobile, anche perché non sappiamo dove va il sangue che viene donato e non abbiamo modo di vedere gli effetti positivi che può avere la nostra azione. Professionalmente, ho modo di vedere questi effetti e devo dire che c'è un grande bisogno di sangue: l'Italia è molto attiva ma non dobbiamo fermarci, anche perché il fabbisogno di sangue aumenterà in vista della maggior aspettativa di vita e di terapie sempre più avanzate".

La premiazione di Angelo Frigerio


Tra le tante iniziative messe a punto per il 65esimo anniversario di fondazione della sezione, c'è anche il libro "Avis e Scuola, Insieme si cresce", la raccolta di elaborati creati dagli studenti delle scuole dopo gli incontri con i volontari avisini. Presentato dal presidente Venanzio Magni, il libro è poi stato regalato al sindaco Galbiati e all'amministrazione comunale. "Tra i disegni, mi hanno molto colpito quelli in cui i bambini invitavano alla donazione per ‘essere più felici' e ‘sentirsi meglio'. La donazione non solo ha effetti positivi sul ricevente ma anche sul donatore" ha sottolineato il primo cittadino, consegnando un gagliardetto del comune e una pergamena ai responsabili Avis.

Da sinistra il sindaco Galbiati, Venanzio Magni, Enrico Santambrogio, Guglielmo Magni, Mario Sala, Stefano Bonfanti, Angelo Frigerio

Da sinistra Venanzio Magni, Guglielmo Magni e Dario Galliani

Anche Enrico Santambrogio, rappresentante Avis della provincia di Monza e Brianza, ha salutato e ringraziato tutti i presenti. "Vorrei ricordare, in particolare, il bellissimo lavoro svolto dai volontari in occasione del concerto di Ligabue, grazie a tutti!". Guglielmo Magni, responsabile Avis provinciale di Lecco, ha poi ricordato la prima donazione "provinciale", nel 1934, presso l'Ospedale di Lecco.

I membri del direttivo casatese con il sindaco Galbiati


"Complimenti per questa tappa. Anche se il dono sembra ormai un gesto estraneo alla nostra cultura ed epoca, la nostra provincia vanta ancora molte donazioni. I momenti più belli della vita sono quelli che rendono bella la vita degli altri"
le sue parole.

Venanzio Magni (Avis Besana Brianza) e il sindaco Galbiati

La consegna della benemerenza per le cento donazioni a Pennati Luigi e Viganò Tiziano

Spazio poi alla consegna dei riconoscimenti da parte dei responsabili Avis a tutti gli avisini, per le otto, sedici, ventiquattro...fino alle cento donazioni raggiunte.
Al termine della piccola cerimonia, la festa dell'Avis casatese è proseguita con un buonissimo rinfresco offerto a tutti gli avisini presenti.

Maristella Carnio e Stefano Bonfanti


Ecco i nomi degli avisini premiati:

Benemerenze in Rame - 8 donazioni
Beretta Lorenzo - Bestetti Francesca - Carnio Mristella - Confalonieri Francesca - Corbetta Marco - Fiocco Davide - Giorgi Matteo - Proserpio Eleonora - Riva Elisabetta - Roggeri Silvia - Sironi Francesco - Squitieri Concetta - Corbetta Mirca

Benemerenze in Argento - 16 donazioni
Colombo Lidia - Maggioni Maria Rosa - Poto Luca - Senesi Stefano - Stucchi Stefano - Viganò Paolo - Beretta Riccardo - Bonfanti Luca - Carbonari Giovanni - Corbetta Mirca - Fumagalli Laura - Ielpo Antonio - Milia Antonino - Nicoli Gilbert - Visini Paolo

Benemerenze in Argento Dorato - 24 donazioni
Biffi Lorenzo - Cannas Gianluca - Cagliani Ernesto - Halì Jacques - Molinari Rosario - Pessina Anna - Pirovano Maria Rosa - Sangalli Danilo - Cogliati Lorenzo - De Capitani Simone - Sanvito Andrea - Zappoli Roberto

Benemerenze in Oro - 50 donazioni
Citterio Bernardo - Colombo Angelo Stefano - Galliani Dario - Marchetti Mario - Motta Guglielmo - Noli Giovanni - Pensa Ulisse - Piazza Paolo Luigi - Riva Gabriele - Viscardi Luigi

Benemerenze in Oro con Rubino - 75 donazioni
Brambilla Roberto - Casati Carlo - Crobetta Uberto - Magni Riccardo - Valnegri Giovanni - Zappa Luigi

Benemerenze in Oro con Smeraldo - 100 donazioni
Pennati Luigi - Viganò Tiziano

Laura Vergani
Associazione correlata:
- AVIS
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco