Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 310.670.917
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 11 novembre 2016 alle 19:44

Nota di Federparchi sulla riforma della Legge Nazionale sui Parchi

Egr. Sigg. Presidenti,

la riforma della legge nazionale sui parchi, la 394 del 1991, approvata ieri dal Senato a grande maggioranza (154 a favore, 47 contrari) è un significativo e importante passo avanti verso un'idea innovativa della tutela delle aree protette. La riforma, ora all'esame della Camera, contiene novità positive anche per i parchi regionali, perché estende anche alle nostre realtà alcuni possibili benefici di natura economica o, ad esempio, procedure più efficienti nel rapporto con i Comuni e le Sovrintendenze. Ci auguriamo quindi che l'iter alla Camera si chiuda velocemente e positivamente, al contrario di quanto richiedono alcune associazioni ambientaliste che valutano quasi come una sciagura questa riforma. Francamente ci pare di cogliere nella posizione espressa da queste associazioni uno sguardo nostalgico e inutilmente "purista", come se lavorare con le associazioni produttive (agricoltori in primis), valorizzare il capitale culturale oltre quello naturale, produrre politiche di promozione turistica fosse in contrasto con la tutela della biodiversità. Siamo ben consapevoli, per il ruolo che abbiamo, che la biodiversità è un valore in se' ma altrettanto consapevoli che, vada intelligentemente incrociata con i beni culturali, il paesaggio, la produzione agricola bio a km zero, le attività produttive leggere e sostenibili. Sulla base della nostra esperienza siamo convinti che sia questo il modo per trasformare i parchi da "musei naturali passivi" a "centri vissuti di alta naturalità", in una dimensione originale di un rapporto finalmente positivo fra uomo e natura. Per questo ci sembra che la riforma ci aiuti nel nostro lavoro, e per questo ne auspichiamo una positiva chiusura.

Vicepresidente NazionaleFederparchi
Agostino Agostinelli

Presidente Lombardia Federparchi
Eleonora Frigerio

Componente Direttivo Nazionale Federparchi
Gian Pietro Beltrami

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco