Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 213.814.937
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 15/11/19

Lecco: V.Sora: 74 µg/mc
Merate: 73 µg/mc
Valmadrera: 77 µg/mc
Colico: 68 µg/mc
Moggio: 96 µg/mc
Amici della Paraplegia - ONLUS
L'ASSOCIAZIONE

L'Associazione Amici della Paraplegia organizza manifestazioni culturali, sportive, ricreative, sfilate di moda, concorsi di bellezza  il cui ricavato viene devoluto in beneficenza e a sostegno del comitato paraplegia. PRINCIPALI EVENTI Maggio 2007 - Partecipazione a Manifesta Osnago; 20 Giugno - 1 Luglio 2007 - Brianza in Festa - Costa Masnaga; 27-30 Settembre 2007 - Oktoberfest - Cassago Brianza; Novembre 2007 - Cena sociale - Fiera Osnago LINK CONSIGLIATO www.comitatoparaplegia.com/comitato.htm

STORIA

Angelo Colombo è nato a Perego (Lecco) il giorno 1 febbraio 1962.
Dal 1968 risiede a Bulciago (Lecco), in tenera età è rimasto orfano di padre, attualmente vive con la madre Filomena, ha una sorella di nome Gemma e due spledide nipotine, Valentina e Veronica. Il giorno 5 febbraio 1991, mentre stava lavorando cadde da un’impalcatura riportando la frattura delle due vertebre dorsali D9 e D10 con conseguente lesione del midollo spinale che lo ha condotto alla sentenza di danno paraplegico agli arti inferiori.
Dopo tanto girare per cercare un a strada valida verso una patologia definita "irreversibile", ha incontrato il Dott. Brunelli, allora direttore della Clinica Ortopedica dell’Università di Brescia, che da anni con la sua scuola si è dedicato allo studio di questa lesione.
Angelo, con coraggio, si è sottoposto ad un esperimento che per la prima volta veniva eseguito sull’ uomo per tentare di ridare, anche se parzialmente, motricità ai muscoli delle cosce; ma, soprattutto, di dare una svolta importante alla ricerca scientifica.
Ha scritto una sua biografia da paraplegico "Voglia di Camminare", per portare la sua testimonianza diretta e per informare il lettore dei grandi passi compiuti dalla ricerca chirugica, differenziandola dalle altre metodiche esistenti attualmente che permettono al paraplegico di “camminare”. CLICCA QUI per proseguire ...



Articoli correlati